Consumo del suolo: quali rischi per l’agricoltura lombarda?

Si avvicinano pericoli concreti di cementificazione dei territori agricoli, sia per il futuro EXPO 2015, sia per le modifiche al PGT (Piano di Governo del Territorio) del Comune di Milano.

I "soliti" vorrebbero all'interno dei confini del Comune di Milano meno terreni agricoli e più verde pubblico. Certamente il "verde pubblico" sarà accompagnato da interventi edilizi, strade aree residenziali o altro (V. ad esempio IEO + CERBA a sud di Milano).

Occorrerà quindi seguire attentamente ciò che succede ed intervenire nelle sedi opportune.

Cia Coldiretti Confagricoltura hanno lanciato questo allarme:

CONFAGRICOLTURA

MILANO E LODI

Via Ripamonti, 35 – 20136 Milano

COLDIRETTI

MILANO E LODI

Via Ripamonti, 37/a – 20136 Milano

CONFEDERAZIONE ITALIANA

AGRICOLTORI MILANO E LODI

Viale Coni Zugna, 58 – 20144 Milano

Comunicato stampa

Consumo del suolo: quali rischi per l'agricoltura lombarda?

Cia Coldiretti Confagricoltura

lanciano un allarme:

"Cementificazione e infrastrutture consumano il suolo, minacciano la produzione agricola ed esauriscono le ultime zone verdi"

insieme

alle Associazioni ambientaliste

(Fai Italia Nostra Legambiente Vas Wwf)

e alle Associazioni di consumatori

(Adiconsum Assoutenti Cittadinanza attiva Confconsumatori Federconsumatori Legaconsumatori Movimento consumatori Movimento difesa del cittadino Slow food Unione nazionale consumatori)

approvano

il documento "Un futuro per l'agricoltura milanese" che sarà presentato insieme ai dati sul consumo del territorio durante la conferenza stampa.

"L'Expo 2015, le numerose infrastrutture in via di realizzazione, l'uso dissipativo del suolo, la corsa alla cementificazione da parte degli enti locali e l'assedio al territorio dei Parchi, impongono una riflessione profonda sulle conseguenze per la produzione agricola e per l'ambiente e rendono indispensabile un patto per la tutela e la salvaguardia del territorio".

contatti: Fabio Bonaccorso 3470599454 Elisabetta Ambrosio 3470490025

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *