Home arrow Attualità politica arrow Palestina : diritto allo Stato e all'acqua

logo

Palestina : diritto allo Stato e all'acqua
(15 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 18-09-2011 08:55

Pagina vista : 3971

Favoriti : 346

Pubblicato in : Attualità politica, Attualità politica


Il Contratto dell'acqua lancia un appello . Riguarda noi tutti . Discutiamone, facciamolo circolare , assumiamo uniziative unitarie di quanti lo condividono . In zona tre il CDZ potrebbe rivolgersi al Sindaco e al Consiglio Comunale per l'approvazione di questo appello . Sarebbe anche auspicabile un articolato programma di iniziative promosse dalle istituzioni , con l'invito ai rappresentanti dello Stato palestinese , mostre , convegni e presenze cittadine per far conoscere la realtà di queste sofferenti terre e popolazioni .   Fu fatto dalla precedente amministazione per lo Stato di Israele. Invito all'orchestra israelo palestinese di Barenboin a testimonianza che siamo per la pace , la convivenza e  per due Stati , ove entrambi i popoli popoli possano vivere liberi . Pare quasi morta la stessa speranza , non laciamo che accada , Dipende anche da noi , Ciascuno faccia la sua parte . Ciao, appena tornato dalla Palestina mando l'appello che abbiamo fatto
da fare girare per invitare i comitati, gli enti locali e le
associazioni e le personalità della cultura ad aderire a
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Per chi fosse interessato a sapere di più sulla carovana qui trovate
il diario di viaggio
http://www.cospe.it/cospe/old/dettaglioNews.php?id=1477&i=wy
ciao
Dario


Contro il muro dell’acqua



Appello per il diritto all’acqua nei Territori Occupati Palestinesi e
per il riconoscimento dello Stato della Palestina





I partecipanti alla Carovana per il Diritto all’Acqua, che dal 10 al
17 Settembre ha percorso i Territori Palestinesi Occupati da Israele,
per conoscere i problemi di accesso all’acqua e le violazioni di tale
diritto umano, insieme ai Comitati Popolari palestinesi di Resistenza
Nonviolenta lanciano il seguente appello al Governo italiano e ai
Governi europei, alla luce di quanto visto e delle testimonianze
raccolte.



In questi 7 giorni in cui la Carovana ha percorso i Territori Occupati
Palestinesi, dalla Valle del Giordano a Tulkarem, da Jenin a Hebron, e
negli incontri con le comunità palestinesi si è appurato:



- che la gestione dell’acqua è tutt’ora sottoposta agli
Ordini Militari del 1967, che negano il diritto all’acqua del popolo
palestinese limitando e di fatto impedendo:

o la costruzione di nuovi pozzi o la riabilitazione di quelli esistenti,

o la costruzione di reti idriche e di impianti di trattamento delle
acque reflue;

o la gestione complessiva delle risorse idriche da parte
dell’Autorità Palestinese dell’Acqua.



La costruzione del Muro, illegale nel suo percorso, come da sentenza
del Tribunale Internazionale dell’Aja, ha sradicato migliaia di
alberi, confiscato e praticamente annesso terre fertili, pozzi e falde
acquifere.

Con continue ordinanze militari Israele sottrae le terre più fertili e
ricche d’acqua alle popolazioni palestinesi, compresa quella beduina,
cercando di far abbandonare la terra ai palestinesi, come i
partecipanti alla carovana hanno visto nella Valle del Giordano e a
Sud di Hebron.

Allo stesso tempo viene impedito all’Autorità Palestinese lo sviluppo
di politiche ambientali a salvaguardia delle risorse idriche e per la
riduzione dell’inquinamento dalle acque reflue e dagli scarichi
industriali provenienti anche dalle colonie israeliane, che scorrono
nei torrenti e nei fiumi inquinando il territorio a rischio di
provocare malattie sia agli esseri umani che agli animali.

Le limitazioni che la popolazione locale subisce quotidianamente negli
spostamenti in territorio palestinese, aggrava ulteriormente questa
situazione.



Tutto ciò è in violazione non solo del diritto umano all’acqua
riconosciuto dall’ONU, ma anche degli accordi di Oslo e del diritto
internazionale.



Alla vigilia della presentazione all’Assemblea delle Nazioni Unite da
parte dell’Autorità Palestinese di una proposta di riconoscimento
dello Stato Palestinese come 194° paese membro della comunità
internazionale,

i partecipanti alla Carovana per il Diritto all’Acqua, i Comitati
Popolari palestinesi, e tutti i comitati italiani ed europei, persone
e istituzioni che difendono il diritto all’acqua che vorranno
sottoscrivere il presente appello,



si rivolgono ai Presidenti e premier dei Paesi membri dell’UE ed in
particolare al presidente italiano, ai rappresentanti dei parlamenti
dell’Europa, chiedendo di:



1) sostenere la proposta di risoluzione per il riconoscimento
dello Stato Palestinese presso l’Assemblea delle Nazioni Unite e
presso il Consiglio di Sicurezza, auspicando che i membri con diritto
di veto di tale organismo non lo esercitino;



2) esercitare una pressione sul Governo Israeliano e sulla
comunità internazionale affinché venga garantito il diritto all’acqua
al popolo palestinese, cessino immediatamente le violazioni al diritto
internazionale e l’occupazione militare.





Betlemme, 17 settembre 2011

AGAINST THE WATER WALL



 

Ultimo aggiornamento : 18-09-2011 08:55

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 

Visualizza 2 di 2 commenti

iMyyElRVExMYrXkJvI

Scritto da: jezzyrulz (Invitato) 25-11-2011 01:42

iMyyElRVExMYrXkJvI

Scritto da: jezzyrulz (Invitato IP 203.131.67.18) 25-11-2011 01:42

ultram as antidepressant =DD tramadol 5806

 

» Segnala questo commento all'amministratore

» Rispondi a questo commento

bRIjZaYlFqN

Scritto da: MattieRaegan (Invitato) 23-11-2011 07:00

bRIjZaYlFqN

Scritto da: MattieRaegan (Invitato IP 146.115.38.20) 23-11-2011 07:00

tramadol oevx ultram lhzgm

 

» Segnala questo commento all'amministratore

» Rispondi a questo commento

Visualizza 2 di 2 commenti



Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.


mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >
Notizie - Attualità politica
La marcia mondiale per la pace
la marcia mondiale per la pace partirà dalla Nuova Zelanda il 2 ottobre 2009. Passerà per Milano il 10 novembre 2009. Mi sembra una occasione da non perdere per una grande iniziativa unitaria, almeno per una volta senza polemiche casareccie. La marcia per la pace è già un grande movimento mondiale. La mail che ho ricevuto e che riporto di seguito lo dimostra.
Leggi tutto...
 

Newsletter

Tieniti aggiornato con le news della Sinistra di Milano
La Sinistra in Zona - Milano


Ricevi HTML?

Feed RSS

Come fruire di un feed RSS
Sottoscriviti a questo Feed