Home arrow Ambiente arrow riunione Comitato acqua del 29/06

logo

riunione Comitato acqua del 29/06
(5 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 29-06-2011 15:04

Pagina vista : 3180

Favoriti : 424

Pubblicato in : Ambiente, Ambiente


Con proposte concrete va gestita la vittoria referendaria. Che tutto non resti come prima , o torni indietro . Abbiamo vinto , non ci eravamo abituati , cambiamo subito , un pochino , la nostra stessa testa e diamoci da fare . A Milano si governa . Chi più , chi meno , ma riguarda tutti . Una domanda seria : è possibile una politica dei beni comuni sul territorio , che coinvolga i cittadini e i Consigli di zona?  Quali iniziative , anche simboliche, che dicono alla cittadinanza : "Vedi come cambia la tua vita di ogni giorno , facendo quaesta cosa qui "  ?  Il Comitato acqua ne propone alcune , tanto per cominciare .

Riunione in Camera del Lavoro, ore 18-20 di martedì 28 giugno 2011-06-29

 

Giancarlo Peterlongo (referente provinciale del “Comitato 2 Sì per l’Acqua Bene Comune”) riassume i punti discussi nell’incontro del 16 giugno, tenutosi in Via Marino 7:

- chiedere al Comune di istituire le case dell’acqua, per le quali esistono già i fondi;

- fare la mappa delle fontanelle di Milano.

 

Emerge l’esigenza di organizzare un evento con docenti universitari, possibilmente in Sala Alessi, e di seguire fin da subito l’esempio di Napoli, dove l’acqua è di totale controllo pubblico. L’ARIN da Spa è divenuta soggetto di diritto pubblico. Napoli, nella rappresentanza istituzionale del suo Comune, è la prima città d’Italia ad accogliere in pieno l’indirizzo generale fornito dall’esito referendario: l’acqua è un Bene Comune e i privati devono starne fuori. Su questo tema Alberto Lucarelli (ordinario di istituzioni di diritto pubblico all’Università degli studi di Napoli “Federico II”, ex candidato indipendente per l’IDV alle scorse elezioni europee, e uno dei redattori dei 3 quesiti del referendum sull’acqua pubblica promossi dal Forum italiano dei movimenti per l’acqua) ha reso noto come all’inizio del 2006 venisse revocata la delibera adottata due anni prima dal consiglio d’amministrazione dell’ATO 2 Napoli-Caserta, con la quale vi era stato il tentativo di privatizzare il servizio idrico nelle due province campane.

http://www.democraziakmzero.org/2011/06/20/la-delibera-napoletana-sullacqua/

 

Inoltre risulta fondamentale trasformare fin da subito la vittoria referendaria in vittoria di gestione e di chi crede nel buon governo dei Comuni, a prescindere dai partiti, che non hanno fatto molto per passare all’attuazione immediata dei principi emersi (no alle privatizzazioni di ogni genere), nemmeno l’IDV che pure era promotore dei referendum. È anzi interessante raffrontare la Legge d’Iniziativa Popolare con la proposta di legge di Bersani e altri parlamentari del PD, in netto contrasto con la prima, in quanto prevede “soggetti privati, pubblici o misti”. http://parlamento.openpolis.it/atto/documento/id/61668

 

Altro snodo focale è la fusione del livello comunale con quello provinciale, onde superare la frammentazione delle varie entità esistenti e poter sostituire le Spa con aziende totalmente pubbliche (per es. inserendovi membri della società civile). A tale scopo va sollecitato un incontro con il Presidente della Provincia e con i gruppi consigliari, e sarebbe auspicabile che ciò avvenisse su pressione della cittadinanza.

 

La vincente strategia dei Beni Comuni deve essere rafforzata nel sentimento della popolazione, diffondendo il testo e l’analisi della Legge d’Iniziativa Popolare http://www.acquabenecomune.org/spip.php?article=211

Infine sarebbe auspicabile promuovere le creazione di una Agenzia Nazionale dotata dei mezzi e delle competenze per supportare i Comuni nella realizzazione del progetto referendario.

Data l’importanza di lanciare una campagna di rispetto e di risparmio della risorsa idrica, si rimanda alla lettura del libro Il valore dell'acqua. Chi la gestisce, quanta ne consumiamo e come possiamo salvarla di Erasmo De Angelis presidente di Publiacqua Spa (http://www.youtube.com/watch?v=OV71GU-zyrs). L’idea è di radicare nei territori la cultura dell’acqua, un primo passo per una nuova forma di riappropriazione di tutti i Beni Comuni da parte dei cittadini che, resi partecipi della gestione, saranno molto più attenti a evitare gli sprechi. Questa nuova consapevolezza andrà a sostegno di una più vasta sostenibilità ambientale.

Una prospettiva inedita sorge in rapporto all’Expo. Transparency International Italia (http://www.transparency.it/) si occupa di trasparenza e legalità nel contenitore Expo, oltre ad estendere il tema dell’Acqua Bene Comune all’aspetto dell’alimentazione. Un progetto consisterebbe nell’adottare l’acqua del rubinetto (la cosiddetta acqua del sindaco) come bevanda ufficiale dell’Expo.

I comitati Pisapia (presente io come Comitato Zona1 e Comitato Hasta la Victoria de Pisapia, Calamida come Zona3 e un altro come Zona6) potrebbero lanciare nei quartieri una campagna corredata da apposito opuscolo sulla Legge d’Iniziativa Popolare, avanzando mozioni da portare ai CdZ. Si seguirebbe così l’esempio di Parigi, dove è obbligatorio promuovere la partecipazione cittadina.

Tutto ciò verrà riferito da Peterlongo all’assemblea del Forum dei movimenti del 2-3-luglio a Roma.

 

Prossimi appuntamenti:

2-3 luglio a Roma: a livello nazionale, assemblea del Forum dei movimenti. Il tema è la Legge d’Iniziativa Popolare.

6 luglio a Milano, Via Dogana 3 (2° piano) ore 14.30 si riunirà la Commissione per le Autonomie. L’invito, partito dal sindaco di Cernusco, è di far girare nei Comuni alcune proposte di delibere da far confluire negli ATO (Ambito Territoriale Ottimale).

15 luglio: a Milano, a livello regionale (forse in Camera del Lavoro, attendere email). Forse presenzierà Roberto Fumagalli http://www.youtube.com/watch?v=PyWsnKBZOyg e forse Fontana (sindaco di Varese e presidente dell’Anci Lombardia). Obiettivi: gestione dell’acqua affidata a una società unica, separazione patrimoniale ed erogatoria. Ovunque bisogna mettere in campo i sindaci.


Ultimo aggiornamento : 29-06-2011 15:04

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >
Notizie - Ambiente

Newsletter

Tieniti aggiornato con le news della Sinistra di Milano
La Sinistra in Zona - Milano


Ricevi HTML?

Feed RSS

Come fruire di un feed RSS
Sottoscriviti a questo Feed