Home arrow PRC Zona 3 arrow 5 febbraio : le motivazioni dell'adesione della Federazione della sinistra

logo

5 febbraio : le motivazioni dell'adesione della Federazione della sinistra
(5 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 03-02-2011 22:52

Pagina vista : 2949

Favoriti : 405

Pubblicato in : PRC Zona 3, PRC Zona 3


La Federazione della sinistra ha aderito alla assemblea del 5 febbraio al Palasharp , di seguito le motivazione della adesione , con un forte  e significativo spirito unitario .

E’ tempo di unità . E’ tempo di riscossa democratica .

Il “suo”  tempo è scaduto , comincia il nostro .

 

Non solo abbiamo aderito , ma partecipiamo numerosi , e con entusiamo , a questa assemblea. Di popolo , di donne , di giovani , di lavoratrici e lavoratori.

 

La stampa internazionale ci chiedeva  : “ Ma come fate a tollerare una così imbarazzante e degradante situazione ? Perché non reagite ?”  La risposta

è stata  la ribellione degli operai Fiat , che han detto  “no al ricatto” e poi la straordinaria , entusiamante manifestazione dei metalmeccanici e della Fiom – Cgil . Per tutti si è aperta una nuova prospettiva , una nuova speranza . 

 

E c’è la mobilitazione delle donne .  Ci interpella tutti , è emblematica del no al degrado etico ,civile,  alla mercificazione dei corpi e dei valori.

Le donne , loro , si sono ribellate al quel  cammino della vergogna che rischiava di travolgere le nostre stesse coscienze . Hanno difeso la dignità umana , la loro , innanzitutto , ma non solo .

 

Marchionne , Fiat , sottrae , nella dimensione sociale ,  diritti fondamentali per la democrazia  . Berlusconi  e l’orrido Sacconi intendono cancellare l’art. 41 della Costituzione .

La volontà del padrone sarebbe così ratificata   nella fonte stessa delle leggi , la Costituzione . 

Verrebbero  così cancellate “ la libertà e  la dignità umana “ .

Dignità e libertà , due splendide , inseparabili parole , che nobilitano la  politica  e dan decoro alla vita .   

La dignità , che nella nostra bella Costituzione , è  definita “ umana” : i lavoratori infatti non sono semplice merce , ma esseri umani , portatori di diritti , strategie di vita, speranze , affetti , passioni e di insopprimibile  amore per la libertà.

Umano è il sentire nostri drammi della crescente povertà , della disoccupazione giovanile , al 29 % ( cifra terribile)  , che è dramma esistenziale per una intera generazione .

 

Scrive Luigi Ferrajoili :

“ E’ in atto un processo decostituente della democrazia italiana. … che si manifesta nella costruzione di un regime personale basato sul consenso o quanto meno sulla passiva acquiescenza a una lunga serie di violazioni della lettera o dello spirito della Costituzione: le tante leggi ad personam, che formano ormai un vero Corpus iuris ad personam dirette a sottrarre il presidente del Consiglio ai tanti processi penali dai quali è assediato; le aggressioni ai diritti dei lavoratori e al sindacato; le leggi razziste contro gli immigrati, che hanno penalizzato lo status di clandestino; le misure demagogiche in tema di sicurezza, che hanno militarizzato il territorio, legittimato le ronde e previsto la schedatura dei senza tetto; il controllo politico e padronale dei media, soprattutto televisivi, che ha fatto precipitare l’Italia al 73^ posto della classifica di Freedom House sui livelli della libertà di stampa.”

 

.

 

Per questo è tempo di mobilitarsi , di unità , nelle iniziative  e sui valori e contenuti condivisi adeguata al livello dello scontro e ai rischi per la tenuta democratica .  Per sconfiggere Berlusconi e il berlusconismo e guardare avanti  .

 

Siamo uniti nella difesa dei principi della Costituzione , nell’affermazione di una cultura  e una politica , solidale e moderna , che abbia al centro il tema dei beni comuni ( al cibo , all’aria pulita , all’acqua pubblica ;  lo stesso lavoro , la cultura , l’istruzione , la salute ,  a buon diritto , son definiti beni comuni ) .

Dobbiamo agire insieme sui  due attuali , concreti , decisivi   terreni di scontro ,  dove ci si conta , dove  si vince noi o vince  “lui “ : i referendum  (acqua pubblica e nucleare ) e le elezioni  a Milano . Un vittoria del candidato sindaco Giuliano Pisapia , e di tutti noi , dopo tanto malgoverno , corrotto e anche volgare , ce la meritiamo . Sarebbe anche un bel passo avanti , forse decisivo , per la sconfitta di Berlusconi .  

 

                                     


Ultimo aggiornamento : 03-02-2011 22:54

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >