Home arrow ADESSO BASTA! arrow Referendum acqua . Lettera aperta di Emilio Molinari

logo

Referendum acqua . Lettera aperta di Emilio Molinari
(11 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 02-02-2011 17:15

Pagina vista : 2729

Favoriti : 411

Pubblicato in : ADESSO BASTA!, ADESSO BASTA!


Emilio Molinari ,Luigi Ferrajoli , Franco Calamida , Giorgio Nebbia, Francesco Indivina , in una lettera aperta  , pubblicata da " il manifesto ",  lanciano un allarme e un invito a moltiplicare gli sforzi e le iniziative a sostegno del referendum per l'acqua pubblica. Raggiungere il quorum è una sfida, Troppi sono i silenzi . Si mobiltano i Comitati e quanti hanno raccolto le firme , ma il  maggior partito della sinistra pare ignorare l'esistenza stessa del referendum  e del prossimo pronunciamento popolare. Il successo dei si sarà la base di  politiche alternative a quella delle privatizzazioni . Una inversione di rotta . Radicale , profonda , vera , concretissima . Dobbiamo batterci perchè questo perseguibile obiettivo  sia raggiunto . Parlare con tutti , essere tutti attivisti .
Franco Calamida 

Lettera aperta

L'acqua e il Referendum sono il....dopo.

Cresce l'indignazione nei confronti di Berlusconi, diventa mobilitazione di migliaia di persone.

In questo c'è il risveglio della partecipazione, anche se forse dovremmo chiederci: quanto tutto ciò incide nella cultura del popolo di destra?

Le manifestazioni si moltiplicano: donne, intellettuali come Saviano, Ginsborg, Eco,  Zagrebelsky ecc..giornalisti, reti della società civile, il dibattito è acceso e ha ormai un solo contenuto: mandare a casa Berlusconi.....dopo si vedrà.

E' un grande risveglio che salutiamo con entusiasmo.

Permetteteci però una riflessione.

In queste mobilitazioni non c'è un solo riferimento al fatto che sul tavolo della politica c'è un contenuto preciso e stringente come la mercificazione di un bene comune come l'acqua e un appuntamento partecipativo altrettanto stringente come il referendum per l'acqua pubblica e, va ricordato, anche contro il nucleare.

Nessuno sembra ricordare che tra Aprile e Giugno 60 milioni di italiani saranno chiamati al voto.

Un milione e mezzo di firme raccolte, la mobilitazione di un popolo trasversale che ha inciso in tutti gli schieramenti politici, anzi è stato l'unico contenuto capace di incidere sia a destra che a sinistra. 

Sconcerta un po' questa rimozione.

Perché l'opposizione, dal PD a Casini/Fini, mentre dibatte attorno ad accordi e schieramenti per liberare il paese dal rais e mentre Berlusconi lancia segnali all'opposizione, tutti mettono al centro del dibattito, dei programmi e delle alleanze, un unico e preciso contenuto: le liberalizzazioni.

Anzi, ognuno accusa l'altro di aver rallentato le liberalizzazioni.

Berlusconi sul Corriere della sera del 31 gennaio si rivolge al PD: ...dal momento che il segretario del PD è stato in passato sensibile al tema delle liberalizzazioni.....propongo a Bersani di agire insieme in Parlamento in forme da concordare....un piano bipartisan il cui fulcro è la riforma dell'art. 41 della Costituzione (che recita: l'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo di da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana)  ....e misure drastiche di allocazione sul mercato del patrimonio pubblico.

Dal canto suo D'Alema, su l'ADN/KRONOS del 12 Gennaio afferma: sarebbe opportuno riprendere il confronto sulla liberalizzazione dei mercati, per verificare cosa si possa fare.

Per Casini poi l'opinione  è scontata: è quella di Caltagirone che fa testo e per Fini parla il Ministro Ronchi e la sua legge da abrogare.

Ebbene noi pensiamo che l'acqua sia l'elemento più emblematico delle liberalizzazioni.

E che liberalizzazioni e privatizzazioni siano state l'anima della politica degli ultimi 20 anni, il suo fondamento culturale, il segno della sua abdicazione al mercato. Sia stata l'humus dell'affermarsi “dell'ognuno si arrangi individualmente con tutti i mezzi”.

Inoltre la privatizzazione dei servizi idrici, è la metafora di una questione epocale: quella del diritto umano e della mercificazione dei beni comuni.

Si possono ignorare queste questioni e ignorare la volontà di 1,4 milioni di persone e anche in caso di elezioni anticipate chiedere e pretendere una moratoria della legge di privatizzazione?

Senza contenuti e senza una mobilitazione dal basso se ci sarà un “dopo” sarà segnato da quella cultura politica che non poco ha contribuito a distruggere il valore dello stare assieme e che non si è affermata solo con Berlusconi e le sue TV, ma si è affermata in tutta la politica dopo tangentopoli.

Una cultura che ha alimentato l'idea che politica e pubblico siano cose corrotte e incapaci, che solo il privato, i manager, gli imprenditori possono gestire il paese e governarlo come una azienda....una cultura che non poteva che produrre un Berlusconi.

Ecco perché pensiamo il dopo si vedrà non funziona.. l'acqua è già il “dopo” che non si può ignorare.

 

Emilio Molinari , Luigi Ferrajoli , Franco Calamida , Francesco Indovina , Giorgio Nebbia  .

 

 

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento : 02-02-2011 17:15

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >