Home arrow ADESSO BASTA! arrow 16 dicembre : grande assemblea alla Camera del lavoro - chiediamo verità

logo

16 dicembre : grande assemblea alla Camera del lavoro - chiediamo verità
(2 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 21-11-2010 17:23

Pagina vista : 1869

Favoriti : 280

Pubblicato in : ADESSO BASTA!, ADESSO BASTA!


Assemblea pubblica - 16 dicembre : Piazza Fontana Milano 1969 , Piazza della Loggia Brescia 1974, Piazza Alimonda Genova 2001 .
Nel paese delle stragi , depistaggi , coinvolgimento di apparati dello Stato , conniventi di gruppi fascisti e di estrema destra , tutti sono rimasti impuniti ; per i gravissimi fatti del G8 di Genova ivertici della polizia , riconosciuti colpevoli e condannati , sono stati tutti promossi , hanno fatto carriera . Chiediamo che questi siano rimossi , per tutte le vittime chiediamo finalmente giustizia , chiediamo verità. 

          Piazza Fontana dicembre 1969 - Brescia 1974 - Genova luglio 2001

           L’attacco arriva al cuore della Costituzione e della democrazia.

 

                                 Assemblea pubblica      

 16 dicembre ore 20.30 Camera del Lavoro
Corso di Porta Vittoria 43 

 

Coordinano:  Anna Miculan & Giulio Leghissa (Adesso Basta)

 Saluto di :    Corrado Mandreoli ( CGIL)

Introduce:     Vittorio Agnoletto (portavoce del GSF a Genova 2001)

Interventi:     Livio Pepino (magistrato)

                Lorenzo Guadagnucci (Comitato Verità e Giustizia per Genova)

                      Gilberto Pagani (avvocato)

                      Haidi Gaggio Giuliani

                      Daniele Biacchessi  (autore teatro civile)

              Saverio Ferrari (Osservatorio Democratico sulle nuove destre)

                     Giuliano Pisapia (avvocato- candidato sindaco per il centrosinistra)

  Conclude:    Franco Calamida (Adesso Basta)

 

Nel dicembre del ’69 e ripetutamente, negli anni successivi fino al 2001, utilizzando sanguinose stragi e complotti, nel  nostro Paese vi è stato un feroce attacco alla Costituzione e all’ordinamento democratico con il coinvolgimento diretto delle istituzioni dello Stato.  

A difendere la democrazia e a denunciare le responsabilità politiche furono, in tutte le occasioni, i giovani, i lavoratori e la società civile organizzata.

Amnesty International ha affermato che a Genova nel luglio 2001 la Costituzione fu sospesa per tre giorni.

A Genova, durante il G8, il governo Berlusconi scatenò una repressione senza precedenti nella storia repubblicana: migliaia di persone che manifestavano pacificamente furono aggredite e pestate, fu fatto uso massiccio di gas lacrimogeni (ne furono lanciati oltre 6.200), fu fatto uso del gas CS vietato perfino durante i conflitti bellici, le forze dell’ordine esplosero almeno 20 colpi di pistola, decine di donne e uomini furono torturati nella caserma di Bolzaneto, 93 persone furono massacrate nella scuola Diaz. In piazza Alimonda venne ucciso Carlo Giuliani.

A quasi dieci anni di distanza il tribunale di Genova ha riconosciuto le responsabilità delle forze dell’ordine e ha condannato i vertici della polizia. Ma nessuno di loro si è dimesso e tutti sono stati promossi. Il processo per la morte di Carlo Giuliani non è mai stato celebrato.

Chi nel 2001 ricopriva le più alte cariche politiche non è mai stato indagato, anzi oggi siede ancora al governo.

Nemmeno gli esecutori e i mandanti della strage di piazza della Loggia a Brescia sono stati individuati e condannati; dopo 36 anni non ci sono colpevoli. L’omertà, i silenzi e i depistaggi a difesa della destra fascista hanno impedito che giustizia fosse fatta. Chiediamo che l’inchiesta sia riaperta e i colpevoli condannati . Chiediamo verità .             

 

           I vertici della polizia  condannati a Genova devono essere rimossi

 

Promuove: Adesso Basta.

Aderiscono:          Arci , Federazione della sinistra, gruppo consiliare del Partito democratico, gruppo consiliare lista Fò , Associazione Punto Rosso , Associazione Non uno di meno, il Popolo viola di Milano , Qui Milano Libera  

 

Le promozioni:

* Gianni De Gennaro nel 2001 capo della Polizia, ora direttore del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (il coordinamento dei servizi segreti) condannato in secondo grado ad 1 anno e 4 mesi di reclusione per induzione alla falsa testimonianza nei confronti dell’ex questore di Genova Francesco Colucci;

*Francesco Gratteri, nel 2001 capo dello SCO, condannato in secondo grado a quattro anni di reclusione per falso ideologico, calunnia, arresto illegale alla scuola Diaz, nel 2007 promosso capo del Dipartimento Nazionale Anticrimine;

*Gilberto Caldarozzi, nel 2001 vice di Gratteri allo SCO, condannato in secondo grado a tre anni e otto mesi di reclusione per falso ideologico, calunnia, arresto illegale alla scuola Diaz, nel 2007 promosso direttore dello SCO;.                                                                      

*Giovanni Luperi,  nel 2001 vice capo dell'Ucigos,  condannato in secondo grado a quattro anni di reclusione per falso ideologico, calunnia, arresto illegale alla scuola Diaz, promosso dal 2007 capo del dipartimento analisi dell'ex Sisde, ora Aisi.                                                                                  *Spartaco Mortola, nel 2001 capo della Digos di Genova, condannato in secondo grado a tre anni e otto mesi di reclusione (processo Diaz) + 1 anno e due mesi per induzione alla falsa testimonianza nei confronti dell’ex questore di Genova Francesco Colucci, è vice questore vicario di Torino. In attesa  di essere promosso questore                                                                                                                     *Vincenzo Canterini, nel 2001 capo del VII reparto mobile di Roma, condannato in secondo grado per calunnia,falso ideologico,concorso in lesioni (processo Diaz) a cinque anni di reclusione, promosso dirigente superiore (questore) e impegnato in Romania in una struttura investigativa internazionale.

** Gratteri, Luperi, Cadarozzi, Mortola, Canterini sono stati interdetti per 5 anni dai pubblici uffici.

 

Le sentenze Sono al vaglio del controllo di legittimità spettante alla Corte di Cassazione.

 

Le sentenze

Sentenza di appello Diaz, la scuola della “macelleria messicana”:

 La Corte, nella valutazione complessiva dei fatti, ritiene …l’origine di tutta la vicenda è individuabile nella esplicita richiesta da parte del Capo della Polizia di riscattare l’immagine del corpo e di procedere a tal fine ad arresti,…..” 

 

Sentenza di appello Bolzaneto, la caserma degli orrori:

44 condanne (delle quali la maggior parte ormai prescritte) tra cui generali della polizia penitenziaria, guardie carcerarie, ufficiali dell' Arma e militari, agenti e funzionari di polizia, persino quattro medici.

 

Sentenza di appello nel processo sui 25 (corteo tute bianche ed altri episodi)

“In definitiva, per come andarono le cose, l’ordine pubblico fu turbato in conseguenza della carica dei Carabinieri, illegittima ed arbitraria, …..”

 

Il procedimento per l'omicidio di Carlo Giuliani non si è mai svolto; è stato archiviato il 5 maggio 2003 dal GIP per “legittima difesa” e per "uso legittimo delle armi in manifestazione"..

 

 


Ultimo aggiornamento : 21-11-2010 17:23

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 

Visualizza 1 di 1 commenti

Dobbiamo esserci tutti

Scritto da: Giulio Leghissa (Invitato) 29-11-2010 11:28

Dobbiamo esserci tutti

Scritto da: Giulio Leghissa (Invitato IP 95.224.185.144) 29-11-2010 11:28

Davvero dobbiamo esserci tutti per sapere di più, per ricordare che il "democratico" Fini dirigeva le operazioni della polizia a Genova, per non dimenticare tutte le vittime delle stragi, per essere ancora più indignati e cattivi, per avre più voglia di unità della sinistra, per gridare ai dirigenti dei partiti di sinistra che siamo stufi di cazzate, che c'è un nemico feroce da battere e che vogliamo batterlo tutti insieme.

 

» Segnala questo commento all'amministratore

» Rispondi a questo commento

Visualizza 1 di 1 commenti



Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.


mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >