Home arrow Attualità politica arrow Marco Revelli - il "nostro mondo "è caduto.

logo

Marco Revelli - il "nostro mondo "è caduto.
(1 voto)
 

Scritto da Franco Calamida, 12-06-2018 09:23

Pagina vista : 17

Favoriti : 3

Pubblicato in : Attualità politica, Attualità politica


Questo articolo di Marco Revelli è stato pubblicato dal Manifesto. Lo riporto in quanto può essere utile al confronto tra le diverse analisi e giudizi sull' esperienza che abbiamo vissuto . Il giudizio sul passato riguarda il presente e il futuro . Schematicamente io penso  che noi ( quelli del 68 ) siamo stati sconfitti , ma non si tratta di un fallimento . Non tutto è andato disperso. Non tutto è macerie . La democrazia è conflitto di idee. Dunque confrontiamole. franco calamida.

 

 

 

Marco Revelli sul manifesto

 

Come tutti i momenti periodizzanti della storia, quelli che segnano i punti di svolta nelle vicende

individuali dentro le vicende collettive – come l’8 settembre del ’43, ad esempio – anche questo

primo di giugno ci mette nudi di fronte ai nostri fallimenti. E alle nostre responsabilità.

Il “nostro mondo” è caduto. Aggregazioni collettive, figure istituzionali, linguaggi, culture politiche e

civili, persino i canoni elementari della logica giacciono a terra in pezzi. Spazzata via, polverizzata la

possibile opposizione che un tempo si sarebbe definita “di sinistra” (il Pd patetico spettatore del

proprio naufragio, LeU cancellata nelle sue ragioni d’esistere, Pap frammento gettato nel vento) e gli

stessi mondi vitali che un tempo si sarebbero chiamati di resistenza morale, frastornati e divisi,

compagni irriconoscibili ai compagni, amici incomunicabili con gli amici… Cancellate le figure “di

garanzia”, a cominciare da quella del Capo dello Stato che è riuscito a dilapidare, in un paio di

minuti di speech – in quello sciagurato discorso sulla superiore autorità dei mercati e l’intangibilità

dei voleri europei – il capitale di autorevolezza e d’imparzialità insieme al proprio ruolo di custode

della volontà popolare (trasformato da arbitro super partes in anatra zoppa). Devastate le tavole

elementari del sistema dell’informazione di fronte allo spettacolo inguardabile di un mondo

giornalistico impudico e gaglioffo, talvolta simile alla folla che si aggrega per un linciaggio talaltra al

pubblico snob di un club esclusivo, un po’ hooligans un po’ maestrine dalla penna rossa, pressoché

mai – tranne rare eccezioni: il Fatto, il Manifesto – rigorosi nella descrizione dei fatti e nei giudizi.

Spezzate anche le connessioni logiche (con una gaffe presidenziale trasformata in geniale mossa di

un abile scacchista; le bestemmie di un Salvini sulle espulsioni di massa tollerate come minima

immoralia di cui non curat praetor mentre i suoi timidi dubbi sulla sostenibilità delle regole europee

diventavano, quelle sì, eresie degne del rogo; le idiozie di Di Maio sull’impeachment prima

enfatizzate poi subito archiviate e stemperate nella cronaca mondana che sfuma dal giuramento al

ricevimento al Quirinale; e nessuno a ricordare al Pd che invita a scendere in piazza in difesa di

Mattarella mentre annuncia l’astensione verso il governo di Mattarella la patente contraddizione,

mentre il reggente Martina inventa l’espressione “astensione attiva” per il Cottarelli già scaduto,

senza che nessuno gli rida in faccia).

Forse era inevitabile tutto questo. E a suo modo naturale. Perché è appunto questo che accade dopo

uno sconvolgimento di magnitudo eccezionale – una vera e propria “apocalisse culturale” -: che nulla

riesca ad essere più al proprio posto. E il voto del 4 di marzo è stato, a tutti gli effetti, un fenomeno

“catastrofico”, di quelli che mutano radicalmente il paesaggio consueto, ne sconvolgono i punti

cardinali, scuotono i corpi e le menti. Così come il governo che ne è seguito non fa che trasferire nel

cuore dello Stato e nei palazzi delle istituzioni, quell’onda d’urto squilibrante e perturbante. Sarebbe

stato in qualche modo contro natura, se la superficie istituzionale del Paese fosse rimasta liscia e

senza increspature. Se non avesse registrato l’urto deformante di quella spinta proveniente dal

profondo della società mentre i meccanismi normalizzanti del sistema ne neutralizzavano il

potenziale esplosivo.

Diciamolo subito. Alcuni aspetti di questo governo sono dichiaratamente orrendi (Matteo Salvini agli

Interni è un oltraggio all’etica e anche all’estetica prima che alla politica). Altri hanno caratteri di

continuità in esplicito contrasto con le retoriche trasgressive della vigilia (Esteri, Economia…) e un

segno inequivocabile di destra. Ma resta il fatto – tragico – che questa è l’unica maggioranza

possibile che non si ponga in esplicito, offensivo contrasto con l’esito di quel voto, dopo il gran

rifiuto (l’esibizione di delirante mania suicidaria) da parte di un Pd ancora in mano al fantasma del

renzismo di dialogare con il “famigerato” Movimento 5 Stelle e di impedirne la deriva destrorsa. E’

la conseguenza più diretta della lunga catena di errori, inadeguatezze, atti mancati e misfatti

compiuti, diserzioni e abbandoni che sul fronte del centrosinistra e della sinistra-sinistra hanno

costellato l’ultima fase di auto-liquidazione e di masochismo. E rispetto alla quale nessuno, nemmeno

noi, può considerarsi innocente.

Potremmo dire che questo fragoroso irrompere a Palazzo dei nuovi padroni, è una sorta di giudizio

di dio davanti al tribunale della storia che condanna chi, anche con poco, senza particolare fantasia,

solo provando a restare se stesso, e mantenendo un minimo di rispetto per il proprio “popolo”,

avrebbe potuto evitarlo. Costa dirlo, fa davvero male, ma questa “cosa” bicolore, gialla e verde con

molte sfumature di bianco e anche di nero, è in fondo, tra tutte le formule possibili, la più

consonante con gli umori “del Paese”, così come si sono espressi nel voto (nel suo carattere

devastante di “apocalisse culturale”). Tra le possibili, sottolineo, non tra le desiderabili. Peggio

sarebbe stato un “governo del Presidente”, imposto sopra e contro il messaggio elettorale. Un

“governo di tecnici”, formula improponibile e odiosa dopo il 2011. O un “governo di tutti”, vincitori e

perdenti confusi insieme, fuori da ogni possibile mandato elettorale. Alternative, tutte, che

sarebbero suonate come sonoro schiaffo in faccia a un elettorato già esasperato dal senso di

frustrazione e di emarginazione da parte di decisori pubblici indifferenti al volere dei cittadini e

irresponsabili di fronte ad essi. E avrebbero finito per alimentare e ingigantire quell’onda nera che si

sarebbe voluto arrestare (o quantomeno tener fuori dalle mura merlate del governo).

Forse era “necessario” che si arrivasse a questo. Al punto zero della rispettabilità pubblica in cui

siamo precipitati e a questa tabula rasa di tutte le esperienze e di tutte le tradizioni, perché la scelta

ritornasse a ciascuno, nella sua piena, personale responsabilità. Sappiamo quanto sarà difficile. E

quanta solitudine ci aspetta. Ma a quella responsabilità non ci sottrarremo, mettendoci in gioco

direttamente, per contendere palmo a palmo il terreno dei diritti sociali e umani, con l’azione

concreta (per questo abbiamo costituito l’Associazione Volere la luna – Laboratorio di culture

politiche e di buone pratiche) e con l’esercizio del pensiero critico (a questo serve il Sito web che

state leggendo).

Quello che invece non faremo è iscriverci al fantasmatico e sedicente Fronte repubblicano, accolita

patetica di tutte le sconfitte e di tutti i responsabili del cattivo stato attuale, di quelli che hanno

svenduto a Marchionne le vite dei suoi operai spingendoli al voto leghista e pentastellato per

stigmatizzarli poi come populisti, ignoranti, deplorables; quelli che hanno picconato i diritti e i

redditi conquistati nei decenni precedenti dal mondo del lavoro e della cultura, con il Jobs Act e la

Buona scuola, la riforma dell’art. 81 della Costituzione e il tentativo di manometterla. Non ci

iscriveremo alla tardiva resistenza di sua maestà del partito democratico e dei suoi cespugli e

proiezioni mediatiche, perché – come ha scritto Tomaso Montanari – “la miccia non può diventare

l’opposizione alla bomba, la causa non può opporsi al suo effetto, la radice all’albero”.

Scriveva nel novembre del 1922 Piero Gobetti ne La Rivoluzione liberale: “Combattere Mussolini per

sostituirgli Nitti, Cocco-Ortu, Orlando o Giolitti, no e poi no”. Analogamente potremmo dire oggi – si

parva licet – che combattere il ministero Salvini e Di Maio per rimettergli al posto Renzi e Gentiloni

o Minniti e Alfano non fa per noi. Anche “le nostre – ripetiamo pure noi – sono antitesi integrali”. E

preferiamo lavorare quasi soli, se necessario, a lunga scadenza, per un’alternativa reale.

 


Ultimo aggiornamento : 12-06-2018 09:23

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >
Notizie - Attualità politica
La marcia mondiale per la pace
la marcia mondiale per la pace partirà dalla Nuova Zelanda il 2 ottobre 2009. Passerà per Milano il 10 novembre 2009. Mi sembra una occasione da non perdere per una grande iniziativa unitaria, almeno per una volta senza polemiche casareccie. La marcia per la pace è già un grande movimento mondiale. La mail che ho ricevuto e che riporto di seguito lo dimostra.
Leggi tutto...
 

Newsletter

Tieniti aggiornato con le news della Sinistra di Milano
La Sinistra in Zona - Milano


Ricevi HTML?

Feed RSS

Come fruire di un feed RSS
Sottoscriviti a questo Feed