Home arrow Lavoro / Stato Sociale arrow Ancora su : reddito o lavoro garantito.

logo

Ancora su : reddito o lavoro garantito.
(1 voto)
 

Scritto da Franco Calamida, 03-06-2017 15:30

Pagina vista : 637

Favoriti : 84

Pubblicato in : Lavoro, Lavoro / Stato Sociale

 

Le analisi , elaborazioni e proposte sultema del reddito minimo garantito o quello di

cittadinanza e il rapporto con il lavoro sono assai numerose e spesso approfondite .

Per orientarsi nella definizione di una politica è opportuno conoscerle e discuterne .

Ne riportiamo alcune tra le più significative. franco calamida .

 

 

 

 

 

Ancora sul «reddito di cittadinanza»

L’articolo di Laura Pennacchi che abbiamo proposto nell'ultima circolare (Perché al “reddito di cittadinanza” preferisco il lavoro, apparso sul “manifesto” del 29 gennaio) ha provocato diverse reazioni critiche, in generale favorevoli a qualche forma di sostegno al reddito. C'è chi, come Maurizio Sabbadini, sottolinea che l’Italia – caso quasi unico in Europa – manca tuttora di strumenti di sostegno/integrazione al reddito per la sempre più ampia platea dei lavoratori precari, informali, particolarmente colpiti in questi anni di crisi, e ci invita a dare voce alle «ragioni del sì». Altri ritiene che la bandiera del sostegno al reddito dovrebbe essere sostenuta e fatta propria dalla sinistra, e non lasciata ai soli 5 stelle presentatori, nel 2013, di una proposta di legge

(qui una presentazione rapida: http://www.huffingtonpost.it/2016/06/13/m5s-reddito-cittadinanza-_n_10438038.html e qui il testo del DDL: http://www.beppegrillo.it/marcia_perugia_assisi/pdf/DISEGNO-DI-LEGGE-REDDITO-DI-CITTADINANZA.pdf).

 

Purtroppo proprio questa proposta è all'origine di molta confusione, perché parla di “reddito di cittadinanza” mentre quello che viene proposto è tutt'altro, per cui mi sembra utile premettere agli articoli che seguono alcune semplici considerazioni (che traggo, per lo più, dal bel libro di Elena Granaglia e Magda Bolzoni, “Il reddito di base”).

Il “reddito di cittadinanza” è un contributo periodico versato dallo Stato a tutti i cittadini, indipendentemente dal reddito e da ogni altra condizione. Le giustificazioni sono di due tipi: da una parte si tratta di una specie di “dividendo” su tutte le ricchezze del mondo, date dalla natura o accumulate dalle generazioni precedenti; l'altra giustificazione risiede nel dovere della collettività di garantire a tutti il diritto all'esistenza.

Tutt'altra natura ha il “reddito minimo”, una misura rivolta a combattere la povertà nella forma di integrazione del reddito fino al raggiungimento di una certa soglia. Due sono i criteri per determinare questa soglia (come reddito al di sotto del quale scatta l'integrazione, e come livello che deve essere raggiunto con l'integrazione): un criterio “assoluto”, dato dal minimo necessario per soddisfare i bisogni fondamentali, e un criterio “relativo”, per esempio il 60% del reddito mediano.

L'integrazione al minimo può essere incondizionata (reddito minimo garantito) o subordinata a certe condizioni, in primis la disponibilità a lavorare, e in questo caso si parla di reddito di inserimento, o di inclusione. Anche qui le opzioni sono molte, dall'obbligo di accettare la prima proposta di lavoro, quale che sia, sino a considerazioni sulla qualità del lavoro disponibile, in termini di pericolosità, remunerazione, distanza dall'abitazione e simili. Una forma di incentivazione al lavoro consiste anche in una riduzione dell'assegno inferiore al reddito aggiuntivo da lavoro. L'obiettivo di queste politiche è di proteggere contro la povertà, incentivare al lavoro, contenere la spesa pubblica.

Infine un cenno alla “imposta negativa” per cui chi ha un reddito inferiore a una determinata soglia riceve un sussidio proporzionale alla differenza tra il reddito soglia e il proprio reddito, così come coloro che hanno redditi superiori pagano le imposte sulla differenza tra il proprio reddito e il reddito soglia.

 

Il reddito di cittadinanza è sostenuto, da ormai trent’anni, da un variegato schieramento che va da esponenti liberali di sinistra (è il caso del filosofo Van Parijs di cui pubblichiamo un’intervista) a settori della estrema sinistra (in particolare il filone di matrice operaista, particolarmente forte in Italia), e compare oggi per esempio nel programma del candidato socialista alle prossime elezioni presidenziali francesi Benoît Hamon (esso dovrebbe garantire, a regime, un reddito di 750 euro a tutti i francesi adulti), oltre a essere stato oggetto di un referendum in Svizzera lo scorso giugno.

Le forze politiche neoliberiste tendono naturalmente a vederlo come una misura iper-statalistica, ma non mancano anche in questo campo dei sostenitori “pelosi” (Milton Friedman, il padre del neoliberismo, è stato un sostenitore dell'imposta negativa), interessati in particolare alla possibilità di riassorbire in questo reddito sociale tutte le provvidenze del “vecchio” welfare, da sempre la loro bestia nera.

 

Maggiore accettazione incontrano le varie forme di reddito minimo, viste, a seconda dei punti di vista, come strumenti di lotta alla povertà o come “pezze” alla condizione delle crescenti masse di lavoratori poveri (“working poor”, come li chiama ormai senza peli sulla lingua la sociologia ufficiale), senza affatto ripensare un altro e nuovo modello di sviluppo (e di lavoro). Era questa, in sostanza, la preoccupazione espressa dall’articolo di Laura Pennacchi. Preoccupazione che riproponiamo in questa “Lettera” con un intervento dell’economista Michel Husson e che l’esperienza finlandese, dove si sta sperimentando su un campione di cittadini un “reddito di cittadinanza” (http://www.linkiesta.it/it/article/2017/01/05/modello-finlandia-volete-il-reddito-di-cittadinanza-scordatevi-il-welf/32871/ ), sembra purtroppo confermare.

 

La discussione comunque è aperta e saremo lieti di ospitare altri contributi e punti di vista dei lettori su questo importantissimo tema.

 

 

Reddito di cittadinanza o reddito minimo garantito?

In questo breve articolo di quattro anni fa (Reddito di cittadinanza e reddito minimo garantito, “la voce.info”, 5.03.2013, http://www.lavoce.info/archives/7397/reddito-di-cittadinanza-e-reddito-minimo-garantito/ ) Tito Boeri e Roberto Perotti facevano alcune importanti distinzioni che è bene tenere presenti. Da notare, anche, come i due economisti (neoliberali ancorché “di sinistra”) chiariscano che il “reddito minimo garantito” per il quale si pronunciano debba essere sostitutivo di altre componenti dello stato sociale.

 

Il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è un programma di contrasto alla povertà di tipo universalistico in cui la concessione del sussidio non è subordinata a un accertamento delle condizioni economiche e patrimoniali dell’individuo.  Il suo punto di forza è che non ha effetti distorsivi sulla decisione di lavorare. Supponiamo che lo Stato garantisca un reddito  di 1000 euro al mese  a chi non ha lavoro. Nessuno lavorerà per meno di 1000 euro. Ma difficilmente qualcuno accetterà un lavoro anche per 1200 euro: il guadagno netto sarebbe solo di 200 euro, perché dovrebbe rinunciare al sussidio di disoccupazione di 1000 euro.   Il reddito di cittadinanza  evita questo problema, perché viene assicurato a tutti indipendentemente dalla condizione lavorativa e dal reddito. Ma proprio per questo è economicamente infattibile. Con un calcolo approssimativo si può mostrare perché. Si consideri un  reddito di cittadinanza che garantisca a ogni individuo un trasferimento mensile, indipendentemente dal reddito e dalla situazione lavorativa,  di 500 euro al mese (un importo chiaramente prudenziale); si supponga che venga corrisposto ai circa  50 milioni di individui con più di 18 anni. Il totale della spesa per  questo programma sarebbe di 300 miliardi di euro, quasi il 20 per cento del Pil. Sarebbe anche probabilmente un programma politicamente ingestibile: come giustificare  agli elettori che ogni membro della famiglia Agnelli o Berlusconi percepisce un reddito garantito ogni mese?

 

Reddito minimo garantito: un programma per tutti ma selettivo

Il reddito minimo garantito (Rmg) è un programma universale e selettivo al tempo stesso, nel senso che è basato su regole uguali per tutti (non limitato ad alcune categorie di lavoratori come nella tradizione italiana), che subordinano la concessione del sussidio ad accertamenti su reddito e patrimonio di chi lo domanda. Questo è uno schema oggi esistente, pur in forme molto diverse, in tutti i paesi dell’Unione Europea a 15 (e in diversi nuovi stati membri). Il reddito minimo garantito dovrebbe sostituire e riordinare molti schemi preesistenti, riducendo sprechi ed evitando la compresenza di tanti strumenti presenti. Dovrebbe infatti sostituire le pensioni sociali e le integrazioni al minimo nonché tutte le prestazioni di indennità civile: assegno di assistenza, indennità di frequenza minori, pensioni di inabilità, e indennità di accompagnamento.  Questi sono programmi con obiettivi meritevoli, ma sviluppati in modo non coordinato. Andrebbero perciò riunificati all’interno del Rmg, prevedendo maggiorazioni per ciascuna tipologia di beneficiari. In questo modo, le maggiorazioni per invalidi, soggetti non deambulanti e soggetti non autosufficienti sarebbero condizionate alla prova dei mezzi. Nello specifico, il Rmg dovrebbe prevedere maggiorazioni per i figli a carico (in base all’età e al numero), i familiari disabili e le famiglie monogenitore. Inoltre dovrebbe essere progettato in modo tale da non scoraggiare il lavoro part-time e il lavoro occasionale.

 

Quanto costa e chi paga

Il Rmg dovrebbe essere finanziato a livello nazionale  con cofinanziamento a livello locale (nell’ordine del 10 per cento) delle prestazioni pecuniarie e in natura.

Ma quanto potrebbe costare il Rmg? È possibile fornire stime prudenziali (probabilmente in eccesso) secondo diverse ipotesi relativamente al suo ammontare e alle tipologie di redditi da considerare nel selezionare la platea dei beneficiari. Il Rmg andrebbe inizialmente introdotto a un livello abbastanza basso e poi incrementato anche come riconoscimento di un miglioramento nell’amministrazione dello strumento. Ad esempio, un Rmg da 500 euro potrebbe costare tra 8 e 10 miliardi di euro. Il livello più alto si raggiunge ipotizzando che, a causa dell’evasione fiscale, si riesca ad accertare solo l’85 per cento del reddito dei lavoratori autonomi e il 95 per cento di quello dei lavoratori dipendenti.

 

 

Il «reddito di base incondizionato» secondo Van Parijs

Philippe Van Parijs, filosofo ed economista belga, è uno dei più importanti sostenitori della proposta e dei movimenti per il basic income, cioè il vero e proprio “reddito di cittadinanza”.

Riproduciamo qui un’intervista apparsa di recente su “Alfabeta2”: https://www.alfabeta2.it/2014/03/29/reddito-base-incondizionato/ (dalla rivista “Mouvements”, traduzione dal francese di Davide Gallo Lassere).

 

“Mouvements”: Lei è uno dei principali sostenitori del reddito di base incondizionato nel mondo; com’è arrivato a difendere questa idea?

Philippe Van Parijs: Risale al 1982. Ci sono arrivato per due vie. La prima partiva dall’urgenza di proporre una soluzione ecologicamente responsabile alla disoccupazione. Vi era una disoccupazione molto importante in Belgio, e anche quando la congiuntura era buona, la disoccupazione non diminuiva. Per la grande coalizione dei padroni e dei sindacati, della sinistra e della destra, non vi era che una soluzione per risolvere questo problema: la crescita. Più precisamente, un crescita il cui tasso doveva essere più elevato del tasso di aumento della produttività, esso stesso elevato. Per degli ecologisti, tuttavia, una corsa accelerata alla crescita non poteva rappresentare una soluzione. È in questo contesto che mi è venuta l’idea di un reddito universale, che proposi allora di battezzare allocazione universale in modo da suggerire un’analogia con il suffragio universale.

Un tale reddito separa parzialmente il reddito generato dalla crescita e il contributo a questa crescita. Deve consentire di lavorare meno a quelle persone che lavorano troppo, liberando così degli impieghi a favore di altre persone che invece non trovano lavoro. Un reddito universale è una sorta di tecnica agile di redistribuzione del tempo di lavoro che affronta il problema della disoccupazione senza dover puntare su una corsa folle alla crescita.

La seconda via che mi ha condotto all’allocazione universale è più filosofica. All’inizio degli anni ’80, molte persone che, come me, si situavano a sinistra, si rendevano conto che non aveva più alcun senso vedere nel socialismo e nella proprietà collettiva dei mezzi di produzione il futuro desiderabile del capitalismo. Si cominciò allora a riconoscere pienamente che se i regimi comunisti non avevano risposto alle speranze immense che avevano fatto nascere, non era per delle ragioni puramente contingenti. D’altra parte, era importante ai miei occhi riformulare una visione del futuro che potesse entusiasmare, farci sognare, mobilitarci. Ora, il reddito universale e incondizionato non è forse interpretabile come una via capitalista verso il comunismo, inteso come una società che può scrivere sul proprio vessillo: “da ognuno (volontariamente) secondo le sue capacità, a ciascuno (incondizionatamente) secondo i suoi bisogni”?

Una società di mercato dotata di un’allocazione universale può in effetti essere compresa come una società nella quale una parte del prodotto è distribuita secondo i bisogni di ciascuno, eventualmente variabile in funzione dell’età e integrabile a beneficio di certe persone che hanno dei bisogni particolari, per esempio di mobilità. Più questo reddito universale è elevato, più il contributo di ognuno alla società è un contributo volontario, motivato dall’interesse intrinseco all'attività svolta piuttosto che dal bisogno di guadagnarsi da vivere. Più la parte del prodotto distribuita sotto forma di reddito incondizionato è grande, più ci si avvicina a questa società “comunista”, intesa come una società in cui l’insieme della produzione è distribuito in funzione del bisogno anziché in funzione dei contributi. Se, da allora, ho scoperto numerosi predecessori e non ho ancora trovato alcun problema decisivo che mi abbia condotto ad abbandonare questa idea. Ho letto e ascoltato migliaia di obiezioni e ho rapidamente acquisito la convinzione che la più seria non sia di natura tecnica, economica o politica, bensì di natura etica, e a questa ho tentato di rispondere in Real Freedom for All. […]

 

Lei si ritiene un liberale ugualitario, giusto?

Esatto, un liberale di sinistra, se volete, a condizione di definire chiaramente questi termini. Essere “liberale”, in senso eminentemente filosofico, non significa essere pro-mercato o pro-capitalismo. Significa semplicemente sostenere che una società giusta non deve essere fondata su una concezione preliminare di ciò che deve essere una vita buona, su un privilegio accordato all’eterosessualità rispetto all’omosessualità, per esempio, o a una vita religiosa rispetto a una da libertino (o il contrario), ecc. Una concezione liberale presuppone che vi sia un modo per definire ciò che è una società giusta senza appoggiarsi su una concezione della vita buona, della perfezione umana – vita buona che certe istituzioni dovrebbero tentare di rendere possibile e ricompensare. Tra i liberali, però, vi sono quelli di destra e quelli di sinistra. Quelli di sinistra ritengono che sia a priori ingiusto che i membri di una società dispongano di mezzi ineguali per realizzare la loro concezione della vita buona. Di conseguenza, il giusto è l’uguaglianza delle risorse.

 

Nel 1986, ha partecipato alla creazione di ciò che diventerà il BIEN.

Il BIEN - Basic Income European Network, un’eccellente combinazione di un nome inglese e un acronimo francese o spagnolo, organizza un congresso ogni due anni. Nel 2004, al congresso di Barcellona, mi sono lasciato convincere, in particolare dal senatore brasiliano Eduardo Suplicy, a trasformare la nostra rete in una rete mondiale, mantenendo l’acronimo BIEN ma modificandone l’interpretazione in Earth Network. Era logico, visto il numero crescente di persone non europee che partecipavano al congresso.

 

Avete creato il BIEN nel 1986 e si è diffuso in diversi Paesi. Come spiega il fatto che nessun paese, anche sviluppato, abbia ancora messo in pratica l’allocazione universale né nemmeno incominciato un serio dibattito a tal proposito?

C’è stato un dibattito autentico in certi Paesi, ma a corrente alternata. Un caso esemplare sono i Paesi Bassi. […] Anche nei casi in cui non si è troppo lontani da una concreta realizzazione – i Paesi Bassi dispongono già di una pensione di base, di allocazioni familiari, di un reddito minimo condizionato e di crediti d’imposta rimborsabili – si tratta di un profondo cambiamento della maniera in cui si concepisce il funzionamento della società e la distribuzione dei redditi. Non si può dunque aspettarsi che tutto fili liscio come l’olio. Tanto più che ci sono diversi ostacoli contro i quali si sbatte sistematicamente.

Il primo può essere formulato sotto forma di un dilemma: o le cose vanno troppo bene economicamente, e ci si dice “non c’è bisogno di un’allocazione universale”, o vanno troppo male economicamente, e ci si dice “non c’è denaro per finanziarla”.

Il secondo ostacolo strutturale è che si tratta di un’idea che divide persone che sono abitualmente dalla stessa parte della barricata, a destra come a sinistra del resto. […] A sinistra, il conflitto riguarda un’altra questione: perché siamo contro lo sfruttamento capitalistico? Ce ne sono che sono contro lo sfruttamento poiché “è inaccettabile che i proletari siano obbligati a vendere la loro forza-lavoro”. In questo caso fornire un’allocazione universale è magnifico, poiché se i proletari lavorano è perché il lavoro è davvero attraente. Si tratta di uno strumento potente al servizio dell’emancipazione dei proletari, dunque se ci si situa a sinistra non si può che essere favorevoli. Ma ce ne sono altri che sono contro lo sfruttamento capitalistico perché permette ai capitalisti di vivere senza lavorare. Ora, i partigiani dell’allocazione universale vorrebbero estendere questa possibilità scandalosa all’insieme della popolazione offrendo a ognuno un’opzione che per fortuna oggi è privilegio di una piccola minoranza. La ragione etica dell’opposizione allo sfruttamento capitalistico è profondamente differente nei due casi, e il dibattito sull’allocazione universale rende manifesta questa tensione.

Un terzo ostacolo al quale è importante prestare attenzione riguarda l’opposizione dei sindacati. Ci sono certi sindacati che hanno sostenuto l’allocazione universale. Nei Paesi Bassi un sostenitore molto forte del movimento per l’allocazione universale, era un sindacato del settore agroalimentare con una maggioranza di donne e di lavoratori a tempo parziale. Non è un caso. Ma in generale i sindacati, nella misura in cui si interessano a un’idea così lontana dalle loro rivendicazioni tradizionali, sono piuttosto ostili. Peraltro l’allocazione universale rappresenta anche un formidabile fondo per gli scioperi: si può scioperare percependo l’allocazione universale. Ciò non dovrebbe costituire un’acquisizione cruciale dal punto di vista sindacale? Non necessariamente. Poiché, con l’allocazione universale, i lavoratori individuali sono anche meno dipendenti dai sindacati. […]

 

 

Utopia sociale o liquidazione del welfare?

L’articolo che segue è dell’economista marxista francese Michel Husson ed è apparso sull’inserto domenicale dell’“Humanité” del 23 giugno 2016 con il titolo Revenu universel. Utopie au temps d’Uber et des robots?  (http://www.humanite.fr/revenu-universel-utopie-au-temps-duber-et-des-robots-610145). Trad.it. Toni Muzzioli

 

Le nuove tecnologie condurranno – pare – ad un’ecatombe di posti di lavoro e l’invasione dei robot metterà in discussione l’esistenza stessa del lavoro salariato. Le ricchezze prodotte potrebbero dunque essere distribuite sotto forma di un reddito universale. L’idea è seducente, ma è valida?

Come ogni teoria, bisogna esaminare i suoi presupposti. Il primo è che l’automazione cancellerà buona parte dei posti di lavoro. Qui c’è molto del bluff:: in realtà parecchi economisti sono oggi preoccupati dal rallentamento della produttività, che fanno fatica a spiegare. Quanto agli studi sui quali si basano questi pronostici, essi sono criticabili, come ha appena mostrato l’OCSE, che riduce di cinque volte le previsioni più “catastrofiste”.

Il secondo postulato è che le piattaforme Internet stanno riducendo il lavoro salariato a favore del lavoro indipendente «uberizzato». Anche qui c’è non poca enfasi sull’ampiezza del processo.

Ma ammettiamo pure la realtà di queste evoluzioni. Ci vuole una ipotesi supplementare, e cioè che l’unica soluzione sia quella del reddito universale. Ed è qui che il ragionamento somiglia molto a una rinuncia. Perché la teoria funzioni, bisogna in effetti rinunciare ad altre risposte possibili alle evoluzioni citate.. la prima è la riduzione del tempo di lavoro: se effettivamente i robot si apprestano a sostituire il lavoro umano, allora la soluzione razionale è che gli esseri umani – tutte e tutti – lavorino di meno; e se effettivamente la «uberizzazione» è destinata a diffondersi, dovrebbe accompagnarsi a forme di protezione sociale professionale che garantiscano la continuità salariale e nel godimento dei diritti sociali.

L’evidenza del reddito universale è dunque discutibile, eppure è agitata tanto dagli ultraliberisti quanto da altri che vi vedono l’elemento centrale di una profonda trasformazione sociale. Certo, vi sono numerose varianti e sarebbe disonesto accomunare questi differenti progetti. Eppure, essi hanno tutti un punto in comune: l’idea di un reddito monetario: ognuno riceverebbe un assegno. La prima domanda che si pone è dunque: quale sarebbe la sua contropartita? Per i liberali sarebbe la soppressione di una parte più o meno importante del sistema di protezione sociale: minimi salariali, sussidi familiari, indennità di disoccupazione, sanità pubblica, pensioni. Il perimetro può variare, ma si tratta sempre della sostituzione di una parte della sicurezza sociale, intesa in senso ampio, tramite la corresponsione di un reddito, a saldo di tutto. Si tratta dunque di progetti reazionari.

I progetti progressisti, dal canto loro, immaginano un reddito d’esistenza incondizionato tale per cui ogni individuo sarebbe protetto dai rischi della vita, anche se non lavora. Qui ancora si pone la questione del finanziamento: se mi ammalo gravemente, me la devo cavare col mio “reddito universale” o posso ancora contare sulla sanità pubblica? Il «costo» della misura non è lo stesso e diventa enorme se lo stato sociale viene mantenuto, ciò che richiede un cambiamento molto profondo nella ripartizione dei redditi. Ma perché dovrebbe essere più facile da imporre, rispetto alla riduzione d’orario? La risposta che spesso si dà è che lo si farebbe gradualmente, ma allora la distinzione con i progetti liberisti si attenua molto, perché il reddito garantito non sarebbe più davvero un reddito “d’esistenza”.

È un assegno, e questo è certamente il punto di divergenza principale. Tutto il progresso sociale si è sviluppato a partire dalla rimessa in discussione della logica capitalistica che fa della forza-lavoro una merce come le altre. Questo processo di  «demercificazione» porta a una soddisfazione gratuita o quasi-dei diritti sociali: diritto all’educazione, alla sanità, alla pensione ecc. I progetti di reddito universale voltano le spalle a questo movimento, favorendo una «ri-mercificazione».

L’orizzonte della trasformazione sociale dovrebbe essere al contrario una società del tempo libero che estende il campo della gratuità, dei servizi pubblici, le sue tappe intermedie essendo la lotta per le 32 ore, la difesa dei servizi pubblici, così come la rivalorizzazione ed estensione dei redditi sociali.

 

 

oi a ribadire, “figurarsi se uno sta attento allo ‘zero virgola’ sulla sicurezza”.

L’industria militare diventa un “pilastro tecnologico, manifatturiero, occupazionale, economico e di crescita senza eguali per il Sistema Paese” poiché “contribuisce, attraverso le esportazioni, al riequilibrio della bilancia commerciale e alla promozione di prodotti dell’industria nazionale in settori ad alta remunerazione” (§260).

“Una straordinaria e pericolosa concentrazione di potere militare ed economico senza precedenti nel nostro paese”, denunciano i sindacati di categoria, e, come si evince fra l’altro dal § 294: il Libro Bianco costituisce “direttiva ministeriale” a normativa vigente, dunque già operativa prima di qualsiasi confronto politico di merito con il Parlamento, parlamento pressoché silente, fatta qualche lodevole e rara eccezione.

Nulla si dice sul divieto di esportare materiali di armamento o tecnologia duale (civile-militare) verso governi in conflitto o che non rispettano i diritti umani così come viene accantonata ogni proposta riguardante la riduzione delle spese militari e l’eventuale loro riconversione sociale. Negli anni ’70-80 i lavoratori e i sindacati delle fabbriche d’armi si batterono per la riconversione delle industrie belliche: oggi dirigenti di queste industrie potranno assumere incarichi nelle Forze armate, contribuendo a determinare le politiche di quella che, in neolingua orwelliana, viene chiamata “difesa”.

[eb]

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento : 03-06-2017 15:30

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >
Notizie - Lavoro / Stato Sociale

Newsletter

Tieniti aggiornato con le news della Sinistra di Milano
La Sinistra in Zona - Milano


Ricevi HTML?

Feed RSS

Come fruire di un feed RSS
Sottoscriviti a questo Feed