Home arrow PRC Zona 3 arrow Lettera aperta di Civati e Ferrero sulle elezioni

logo

Lettera aperta di Civati e Ferrero sulle elezioni
(1 voto)
 

Scritto da Franco Calamida, 23-12-2015 09:48

Pagina vista : 1100

Favoriti : 202

Pubblicato in : PRC Zona 3, PRC Zona 3


Riporto questa lettera aperta , con una personale considerazione : penso che le specifità locali esistono , che le articolazioni di alleanze elettorali praticate in passato e discusse localmente , siano state positivamente praticate. E comunque, se consideriamo la democrazia interna importante , e lo è , per me , lo è , son cose che van discusse . Per le elezioni a Milano credo , tenendo conto di tutto e ovviamnte anche delle decisioni nazionali , che si debba decidere a Milano. Il sono per la lista alternativa ,  ho firmato l' appello per l 'assemblea del 15 , ma ragioniamo su come va realizzata e in che rapporto si colloca con il progetto di nuovo soggetto politico , al momento fermo sia in alto che in basso . franco calamida.

Sinistra, lettera aperta di Pippo Civati e Paolo Ferrero

La primavera prossima si andrà al voto in molte importanti città. Occasione imperdibile per la costruzione di un’alternativa politica, morale e sociale al governo del Partito Nazione: in quasi tutte le realtà si sta lavorando in questa direzione.

 

Chi parla di “eccezioni locali” sta sbagliando: non esistono un Pd nazionale “cattivo” e un Pd locale “buono” con cui invece si possono stringere alleanze. Si tratta ovunque dello stesso Pd e delle stesse politiche. Precarietà, nuove povertà, marginalità sociale, dramma abitativo: gli effetti di Jobs act, “buona” scuola, finanza fantasiosa (dopo quella creativa di Tremonti) si manifestano dolorosamente e con chiarezza proprio a livello locale, ed è con l’impatto delle politiche nazionali che i nuovi sindaci si troveranno a fare i conti.

 

A Milano si avvia alla conclusione la stagione della giunta arancione. L’”anomalia” sta per essere normalizzata. Gli ultimi mesi di giunta Pisapia costituiscono con ogni evidenza l’antipasto di questa normalizzazione, dalle primarie “di coalizione” che sono una faccenda tutta interna al Pd, alla recente vicenda degli scali ferroviari, che smonta definitivamente la retorica della partecipazione: una gestione dirigista che non garantisce nemmeno il coinvolgimento del Consiglio Comunale e l’ordinario esercizio di democrazia.

 

Da sempre Milano è il laboratorio politico del Paese. Qui sono cominciati molti processi di valenza generale, nel bene e nel male. Ed è da Milano che si può partire per costruire una solida alternativa al Partito Nazione. Per una città più moderna e più giusta.

 

La partecipatissima assemblea di martedi 15 alla Camera del Lavoro di Milano ha manifestato una forte domanda in questa direzione. Si tratta di costruire risposte autenticamente partecipate, a cominciare da un’attenta analisi -luci e ombre- degli ultimi 5 anni di giunta, mettendo in rete realtà che non si parlano o hanno smesso di parlarsi e superando la certezza di essere sufficienti a noi stessi.

 

Nuovi legami solidificati da un programma di governo fatto di proposte e soluzioni in grado di parlare a tutta la Milano possibile, con una coalizione ampia e plurale, dalle forze di sinistra, ambientaliste, laiche, libertarie e riformiste al civismo democratico e dei beni comuni.

 

La politica già vivente delle moltissime associazioni, dei comitati, delle buone pratiche nate spontaneamente dalle donne e dagli uomini che vivono quotidianamente la città, deve aspirare a diventare programma di governo alternativo a quello del partito Expo, versione milanese e smart del partito Nazione.

 

Contro la logica illusoria dell’uomo solo al comando o degli scioglimenti palingenetici, questo nuovo inizio non può che assumere la forma del dialogo e della coalizione tra soggetti che, pur nelle loro differenze, sappiano lavorare insieme per favorire la costruzione di un processo unitario, offrendosi come facilitatori e catalizzatori e non come titolari della proposta: la sinistra è fuori di se!

 

E’ il tempo giusto per restituire vero protagonismo politico a quel grande e composito movimento – dai referendum sulla cosa pubblica, sull’acqua, sul nucleare e su problematiche cittadine, al movimento delle donne, i militanti per i diritti civili, le associazioni ambientaliste, le lotte del e per il lavoro, per l’abitare, per gli spazi sociali, per una scuola davvero buona, per i diritti di cittadinanza dei migranti- che con un vero e proprio moto “di liberazione” nel 2011 diede avvio all’alternativa milanese, e che non ha mai smesso di esistere nonostante la progressiva disillusione, dal restringimento degli spazi di partecipazione all’irruzione normalizzatrice del Pd renziano.

 

Quegli umori, quei desideri, quelle aspirazioni politiche restano vive, e attendono di prendere corpo in una proposta di governo davvero nuova, inclusiva e più giusta.

 

Questo è quello di cui abbiamo bisogno, e questo quello che dobbiamo realizzare. Tutte e tutti insieme.

 

Pippo Civati, Paolo Ferrero

 

 

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento : 23-12-2015 09:48

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >