Home arrow La costruzione della sinistra arrow prestatuto per i Comitati de l' altra Europa .

logo

prestatuto per i Comitati de l' altra Europa .
(1 voto)
 

Scritto da Franco Calamida, 12-03-2015 08:56

Pagina vista : 2916

Favoriti : 376

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, La costruzione della sinistra


La situazione de l' altra Europa richiede un nuovo slancio . Ho proposto al Comitato z3  alcune , poche e piccole , regole per un miglior funzionamento dei Comitati e la definizione della loro centralità nel processo di costruzione del nuovo soggetto politico . Ho chiesto un giudizio a Luigi Ferrajoli , lo riporto a conclusione della proposta . Da discutere . Ovviamente. L' idea di fondo è : tentare la via della fiducia reciproca e cominciare a praticare la democrazia nelle relazioni e nel funzionamento dei Comitati. franco calamida .


 

 Il ragionamento che propongo è questo : quanti  condividono il progetto di costruire , con un percorso partecipato e aperto e innovativo, il nuovo soggetto politico , democratico e pluralista  , hanno il dovere, non solo il diritto, di essere partecipi ad ogni fase , anche a quella  della definizione delle regole comuni . Non può nascere un soggetto democratico in assenza di un processo democratico e partecipato di scrittura delle regole. Una assemblea nazionale, nel contesto attuale , essendo indefinito il progetto ( giustamente , salvo i valori ed esperienze e i programmi già discussi e condivisi) non può decidere  per tutti e tutte , ignorando cosa pensino , chi sono e cosa fanno o non fanno l’insieme degli aderenti. O aspiranti tali . Diritti , doveri e regole devono essere il prodotto del dialogo collettivo , nessuno escluso. E’ il terreno della democrazia . Non c’è radicamento sociale senza collegialità . Fin dall’inizio del cammino. Come scegliere i delegati ? A cosa sono delegati ? Quale è il loro mandato , se non se ne è discusso nel comitato di appartenenza ? Appunto , discutiamone, nei tempi politici della politica. E siamo certi che lo Statuto sia tema di delega ? E che vada definito subito , trascurando che il soggetto politico  deve essere strumento del progetto politico? Devono dunque camminare insieme e che sia una grande camminata collettiva . Il primo passo , che riguarda la definizione delle funzioni ( si chiamano così i poteri) è il più importante. Io propongo infatti non di avviare la discussione sullo Statuto ,  ma piuttosto , e più semplicemente , su “ la carta dei buoni comportamenti individuali e collettivi” . Cioè le relazioni tra “ noi che camminiamo , ponendoci domande” e  soggettiva scelta di atto di fiducia nei  comportamenti individuali . Rischioso , ma senza questa fiducia non ci sono rischi , perché non c’è nulla , nulla di nuovo , nulla che per cui valga la pena di dedicare tempo di vita, speranze , passione. Dunque mi occupo di un solo aspetto : il ruolo dei Comitati di territorio , cioè degli e delle aderenti al progetto , i e le camminanti. In generale , assai spesso , gli Statuti , definiscono molti doveri dei “militanti” e molti diritti dei dirigenti. Tutti affermano che il “soggetto” ha le fondamenta nelle realtà di territorio , ma poi si decide ai “piani alti” . Preciso che non c’è alcun basismo nella mia impostazione , non penso affatto che la base sia migliore dei vertici . Ma , se  vogliamo innovare , dobbiamo capovolgere la “piramide” delle gerarchie . Giusta ( non secondo me) o sbagliata , ha comunque fatto il suo tempo. Espongo  , giusto per discuterne , alcuni criteri e norme , chiari e comprensibili . Almeno per un aspetto : non replicano esperienze passate. Queste le proposte :

 

*L’ insieme dei  Comitati di territorio è il movimento in cammino verso il nuovo soggetto politico ; non solo base e fondamenta , ma realtà e sostanza concreta . Dal procedere ed estendersi dei Comitati dipende il procedere del progetto stesso. 

 

 

*L’insieme dei Comitati svolge una funzione primaria nella definizione degli indirizzi politici e delle scelte rilevanti a livello nazionale , che vanno assunte a seguito di consultazione , dibattito orizzontale e pronunciamento strutturato , anche in forma digitale.

*Nel quadro degli orientamenti nazionali e del Coordinamento  cittadino , i Comitati sono depositari del compito di  definizione delle scelte  politiche  e coerenti pratiche sul territorio ove operano, prevalentemente orientate al radicamento sociale.

*I Comitati eleggono un coordinatore/trice attraverso il voto segreto . Tutte tutti sono eleggibili e partecipano al voto. Di norma la rotazione si attua ogni 6 mesi , attraverso la rotazione si assicura la rappresentanza di genere.

* L’adesione avviene secondo i criteri definiti nazionalmente.

*Su questioni che richiedono pronunciamenti dirimenti , quali la partecipazione a scadenze elettorali e la scelta dei candidati , le decisioni vengono assunte con voto palese , ogni Comitato è competente per quelle relative al territorio ove opera , di concerto con gli orientamenti assunti a livello cittadino –

* Senza mandato imperativo o vincolante , le coordinatrici/tori compongono il coordinamento cittadino , che non ha funzioni gerarchiche e di direzione .   Verrà sperimentata una forma innovativa di direzione diffusa sul territorio.

*Su richiesta di almeno un terzo delle/degli aderenti o dei componenti il Comitato cittadino  ,  condivisa da una maggioranza pari al 51% del  Comitato cittadino,  questo promuove una  consultazione referendaria tra gli aderenti, su di un definito e preciso quesito, con effetti  vincolanti su temi di competenza del Comitato cittadino stesso.  Entro 30 giorni dall’approvazione di questa Carta il Comitato cittadino definirà il regolamento attuativo. Il regolamento dovrà  garantire un percorso di dibattito nei Comitati, alla  conclusione  del quale saranno , di norma , sede di espressione del voto. Il regolamento potrà prevedere il voto digitale.

*Su richiesta di almeno un terzo delle/degli aderenti o dei componenti il Comitato cittadino , condivisa da una maggioranza pari al 51% del Comitato cittadino viene convocata l’assemblea dei delegati dei Comitati di territorio (con regolamento da definire) . Questa verrà comunque convocata almeno una volta all’anno. Si tratta di spunti per la discussione . Nulla vien proposto per quanto attiene alla collegialità , al rifiuto della logica amico nemico o del sospetto , alla cultura delle verità assolute , all’ importanza del linguaggio nella comunicazione politica , alle relazioni solidali ecc ecc . Sono importantissime , credo decisive , ma  è inutile scriverle( ci sono in molti statuti ) , la sfida è praticarle. I buoni comportamenti reggono tutto l’impianto , ciò che non è scritto e fondante di ciò che è scritto.

Franco Calamida  Comitato l’altra Europa di zona 3 .

Caro Franco,

      grazie del tuo ottimo documento. Suppongo che quando parli di "nuovo soggetto politico" tu ti riferisca a un nuvo partito, che in effetti a questo punto, prima o poi, sarebbe necessario per superare la crisi di rappresentatività della sinistra. Le tue mi sembrano tutte proposte utili ai fini della elaborazione di uno statuto democratico del partito. Aggiungerei, come ben sai, l'incompatibilità tra cariche di partito e cariche istituzionali anche elettive (chi si candida alle elezioni deve abbandonare le funzioni dirigenti di partito). E organizzerei una raccolta di firme per una proposta di legge popolare di attuazione dell'art.49 della Costituzione che preveda talune di queste regole come condizioni per la partecipazione dei partiti alle elezioni e, insieme, l'incompatibilità tra cariche di partito e cariche istituzionali. Su questi temi stiamo organizzando alla Fondazione Basso alcuni seminari (se ti interessano ti comunicherò le date) in vista di un convegno sulla vera e sola questione costituzionale oggi urgente: quella della rifondazione democratica dei partiti.

       Saluti carissimi, a presto,

                      Luigi Ferrajoli

 




Ultimo aggiornamento : 22-03-2015 22:23

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >
Notizie - La costruzione della sinistra

Newsletter

Tieniti aggiornato con le news della Sinistra di Milano
La Sinistra in Zona - Milano


Ricevi HTML?

Feed RSS

Come fruire di un feed RSS
Sottoscriviti a questo Feed