Home arrow La costruzione della sinistra arrow Molinari,Agnoletto,Piccardi,Rizzo: rilanciare il progetto Tsipras

logo

Molinari,Agnoletto,Piccardi,Rizzo: rilanciare il progetto Tsipras
(2 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 25-10-2014 15:32

Pagina vista : 2816

Favoriti : 376

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, La costruzione della sinistra


Riporto l'articolo apparso oggi sul Manifesto . Molto importante , uno stimolo al rilancio del progetto di costruzione di un nuovo soggetto politico a sinistra del PD .

Dove si è fermata la lista Tsipras

In Piazza- La risposta a Moni Ovadia

 Emilio Molinari, Vittorio Agnoletto, Basilio Rizzo, Silvano Piccardi, Manifesto 24.10.2014

La destra cresce perché le «sinistre» modello Pd hanno deluso

Sono pas­sati alcuni mesi da quel risul­tato e nel frat­tempo il dise­gno del ren­zi­smo è andato dispie­gan­dosi con tutti i suoi rischi per la demo­cra­zia e per la pos­si­bi­lità di rea­liz­zare que­sta nostra spe­ranza. Il tempo a quanto pare non lavora a nostro favore.

Per que­sto vogliamo ripren­dere ciò che ha scritto giorni fa Moni Ova­dia e dire che ha fatto bene a pro­vo­care una discus­sione e dire anche che siamo rima­sti per­plessi della rea­zione di alcuni compagni/e.

Sarà ben un pro­blema poli­tico se dopo tanti mesi non siamo stati in grado di far fare un pic­colo passo in avanti a quel sog­getto poli­tico, uni­ta­rio e di dimen­sione euro­pea, che il risul­tato elet­to­rale di Tsi­pras con­se­gnava a tutti noi. Siamo stati capaci qua e là di fare un con­ve­gno o par­te­ci­pare a una mani­fe­sta­zione, ma non un solo atto signi­fi­ca­tivo che ren­desse visi­bile che esi­ste­vamo e sta­vamo rea­liz­zando que­sto impegno.

Non siamo stati in grado nem­meno di indi­care un por­ta­voce che comu­ni­casse all’esterno cosa pen­siamo dell’articolo 18, della guerra, della tra­ge­dia dell’immigrazione, nem­meno del signi­fi­cato della mani­fe­sta­zione di oggi… che è bene ricor­dare è uno spar­tiac­que: è con­tro ciò che rap­pre­senta il governo Renzi.

Moni ha ricor­dato che quando abbiamo dato vita a Tsi­pras abbiamo giu­rato che da quella scelta non si tor­nava indie­tro e che da lì doveva nascere quel bene­detto sog­getto alla sini­stra del Pd.

Allora era un giu­di­zio indi­spen­sa­bile sot­trarsi oggi, di fronte agli svi­luppi che ci con­se­gnano gli eventi, per pic­cole mise­rie o auto­re­fe­ren­zia­lità, pen­siamo sia venir meno a una respon­sa­bi­lità storica.

Ci ren­diamo conto che non ci sono più mar­gini ne tanto meno alternative?

Renzi, con l’invito a Migliore, pone Sel di fronte al pesante ricatto di entrare nel Pd e annun­ciando al con­tempo il pre­mio di mag­gio­ranza alla lista e non alla coa­li­zione, ha detto a chiare let­tere che fuori dal Pd non ci deve essere niente. Anzi non ci deve essere nep­pure il Pd, tenia­molo presente.

E noi intanto ci roso­liamo nel discu­tere aprio­ri­sti­ca­mente di alleanze?

Renzi è l’asso piglia­tutto, Grillo inse­gue la destra di Sal­vini e lo sce­na­rio è un governo di cen­tro destra con una oppo­si­zione di destra.

Nell’appello di Moni noi leg­giamo tutta la sol­le­ci­ta­zione a darci una mossa, leg­giamo il richiamo a guar­dare il disa­stro verso il quale mar­cia la demo­cra­zia, la que­stione sociale e quella ambien­tale nel nostro paese, con i tagli ai Comuni e alla sanità; a guar­dare a ciò che si annun­cia in Europa e nel mondo: con le guerre, i Trat­tati di libero com­mer­cio, la tra­ge­dia dei beni comuni, la liqui­da­zione di tutto ciò che è pub­blico; noi leg­giamo in quanto ha scritto un forte richiamo al vivere civile e alla dignità umana.
Può essere banale dirlo ma ci si allea e si può essere alleati solo se si esi­ste come entità auto­noma. Se si ha un pro­filo e una con­si­stenza tale da avere della even­tuale alleanza pari dignità non essere un’accessorio. Giu­rare «a pre­scin­dere» su alleanze future a Milano o in qual­siasi parte è onto­lo­gi­ca­mente sba­gliato e per altro impe­di­sce di con­clu­dere buone alleanze su pro­grammi e contenuti.

Prima di par­lare di alleanze nazio­nali o metro­po­li­tane, noi abbiamo il sacro­santo com­pito di defi­nirci come sog­getto poli­tico, auto­nomo, nella cul­tura, nelle aspi­ra­zioni, nei con­te­nuti, nelle azioni. In una parola dob­biamo esi­stere è un pro­blema di subal­ter­nità. Rom­pere con l’eterna sud­di­tanza poli­tica. Rom­pere con l’eterno ricatto che se non stai con il Pd aiuti la destra. Farlo una volta per tutte, e non per le nostre per­sone, ma per le migliaia di compagni/e che hanno seguito per­corsi come i nostri.

La sto­ria di tutti noi basta per dimo­strare che sap­piamo sce­gliere di fronte al peri­colo della destra. Altri forse dovreb­bero essere inter­ro­gati sul per­ché non c’erano sabato scorso a Milano alla mani­fe­sta­zione con­tro la mar­cia della Lega e dei fasci­sti su piazza del Duomo.

Se la destra cre­sce in Ita­lia e in Europa, è per­ché le «sini­stre» modello Pd hanno in qual­che modo deluso le aspettative.

Se temiamo che Sal­vini possa vin­cere a Milano, inter­ro­ghia­moci: non è per­ché ad essere un po’ delusi non sono solo Moni Ova­dia, e qual­cuno di noi ma lo sono molti mila­nesi demo­cra­tici e di sinistra?

Segna­lare dis­sensi, ricor­dia­molo, è neces­sari e migliora la qua­lità della sini­stra e della democrazia.


Ultimo aggiornamento : 25-10-2014 15:32

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >
Notizie - La costruzione della sinistra

Newsletter

Tieniti aggiornato con le news della Sinistra di Milano
La Sinistra in Zona - Milano


Ricevi HTML?

Feed RSS

Come fruire di un feed RSS
Sottoscriviti a questo Feed