Home arrow ADESSO BASTA! arrow I cento passi - testimonianza di Franco Calamida

logo

I cento passi - testimonianza di Franco Calamida
(3 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 12-02-2013 10:57

Pagina vista : 1308

Favoriti : 240

Pubblicato in : ADESSO BASTA!, ADESSO BASTA!


Riportiamo di seguito la testimonianza di Franco Calamida sui terribili giorni di Cinisi , quando Peppino Impastato fu assassinato . Si narra del coraggio e della forte solidarietà dei compagni che lottarono , isolati,  per affermare la verità : Tano Badalamenti , boss mafioso, fu il mandante . E il film  I cento passi di Marco Tullio Girodana ha reso giustizia a Peppino e tutti noi.
La serata del 1° febbraio 2013 alla Camera del lavoro di Milano è stata straordinaria , contro la mafia , per ridar nobiltà alla politica , alla buona pratica politica , all'onestà intellettuale : le qualità di Peppino Impastato.

Porterò una testimonianza, un ricordo breve, in memoria del dolce compagno Peppino Impastato. Intellettuale siciliano ,rivoluzionario e poeta .

 Il 9 di maggio del 1978 ricevetti una telefonata da Roma, dalla direzione di Democrazia Proletaria: “Peppino Impastato è stato assassinato”. Rimasi,credo, almeno un minuto senza avere la forza di parlare. Poi mi dissero: “Domani è previsto a Cinisi il comizio di Peppino Impastato, candidato di Democrazia Proletaria alle elezioni, questo comizio va tenuto “ Io partii subito, andai a Palermo, vennero a prendermi i compagni, all’aeroporto di Punta Raisi, e mi dissero due cose: una: “Dobbiamo stare attenti”, il che mi era già del tutto evidente; la seconda: “Devi dire molte volte: Peppino Impastato è stato assassinato da Tano Badalamenti”. Al comizio il giorno successivo lo dissi molte volte, moltissime volte. Era una giornata splendida. C’erano 100 compagni venuti da Palermo,  e anche di  Cinisi . Il comizio si tenne nella via principale , tutte le finestre erano chiuse; c’era un gruppo di “paesani”, con la coppola, e con gli occhi cattivi; c’era un sentimento di solitudine e di isolamento. E’ difficile oggi rivivere la dimensione  della solitudine che respirammo in quei giorni , ma i compagni di Cinisi e di Palermo seppero reagire. Con coraggio . Nacque il comitato Peppino Impastato, l’impegno tenace  di Santino, di Giovanni, di tantissimi altri. La sera, tornati a Palermo, impiegammo una o due ore per telefonare ai giornali, perché tutti i giornali scrivevano che Peppino Impastato era un terrorista. Erano i giorni del rapimento e della morte di Moro, l’attenzione era altrove. E molti anni dopo, quando uscì il film, di Marco Tullio Giordana  finalmente quel senso di ingiustizia che noi sentimmo, per mesi ed anni, fu superato. Il film diceva cos’era accaduto.Tutti lo sapevano . Ci liberava . Il film racconta di  Peppino  che , guardando la  valle e l’ aereoporto , dice: “Bisogna abituare  la gente a riconoscere la bellezza. Difendiamo la bellezza”. La politica per Peppino era musica , era ironia,era amicizia e forza del collettivo , era poesia. Scriveva le poesie del sorriso e della morte. Era letteratura. Era la politica che dava senso alla vita.  C’era allora una grande passione, un entusiasmante  entusiasmo … oggi dovremmo cercare di capire dove li abbiamo smarriti , chi ce li ha tolti , …o forse siamo stati noi stessi.

 

Peppino ci ha offerto  questo insegnamento :  non essere mai sicuro delle tue convinzioni,  abbiamo  valori e storia, ma non abbiamo gioiellini da tenere chiusi nelle casseforti.In ogni momento rimetti in discussione te stesso, cambia te stesso per cambiare gli altri, spingi in avanti la tua idea della politica. Peppino ha un alto rispetto del compagno del PCI, però dice:”ai giovani questa politica non può dire nulla, va ripensata nel linguaggio, nell’immagine, in tutte le sue forme.” Questo è vero  ancora oggi. In quel comizio a Cinisi ,( per inciso : Peppino  fu eletto,)  dissi: “ Non saremo  sconfitti fino a quando accetteremo  di essere sconfitti”. Con Peppino fummo la generazione che tentò la scalata al cielo , fummo i rivoluzionari . Oggi in politica son tempacci , ma non abiamo ancora deciso di essere sconfitti .

   

 

 

 


Ultimo aggiornamento : 12-03-2013 08:49

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >