Home arrow PRC Zona 3 arrow Vota Di Stefano

logo

Vota Di Stefano
(2 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 14-12-2012 08:54

Pagina vista : 1780

Favoriti : 284

Pubblicato in : PRC Zona 3, PRC Zona 3


Il !5 dicembre vota Di Stefano . E fa votare Di Stefano e fa dieci telefonate , o sms , per il voto a  Di Stefano. Il tam tam della brava gente , che ancora c'è , è la propaganda più efficace per il nostro ottimo candidato . Importante la proposta del reddito minimo garantito . Il Prc , e il nostro circolo , sono molto impegnati per il successo di Andrea Di Stefano presidente.

LOMBARDIA VERSO IL VOTO

Di Stefano, l'economista etico 
La «sorpresa» della sinistra

Il candidato più «radicale» che vuole il reddito di cittadinanza

Andrea Di Stefano Andrea Di Stefano

MILANO - La felpa blu con la scritta Obama, la barba lunga (che ora ha tagliato), i capelli arruffati, gli occhialini da miope. Un look da studente fuori sede. Eppure, quella sera, che trionfo. Trenta-applausi-trenta in dieci minuti scarsi d'intervento. Un'apoteosi per uno sconosciuto o quasi come lui. Era il 20 novembre e i candidati del centrosinistra lombardo erano ancora quattro (c'era anche il socialista Roberto Biscardini). Quella sera Andrea Di Stefano vinse e convinse. Quarantotto anni, giornalista (è direttore della rivista Valori, promossa da Banca Etica), una compagna, due figli (un maschio e una femmina, Leone e Mimosa). Di Stefano fino a quel giorno era per tutti «il professor Di Stefano», pur non essendo mai stato in cattedra in vita sua. Era (ed è) piuttosto un esperto di economia e finanza etica, diventato noto, si fa per dire, grazie alla vetrina quotidiana offerta da Radio Popolare, da dove il «professore» ogni mattina almanaccava con piglio autorevole di argomenti tradizionalmente ammazza-audience e il conduttore Gianmarco Bachi lo canzonava per la sua seriosità. Un cult. 

Ora però l'ex professor Di Stefano ci ha preso gusto.Con quel tono grave e compassato può permettersi di dire quasi tutto. Che per esempio la regione dovrà garantire un reddito di cittadinanza a tutti quelli che perdono lavoro. O che Brescia è peggio di Taranto in fatto di qualità ambientale e che gli inceneritori sono il problema, «altro che soluzione». Questioni che però conosce davvero. Da cronista girava per discariche e cave quando la «mafia dei rifiuti» non era ancora un tema di moda. E poi conosce i numeri, non improvvisa. Un vero secchione.
 

Sorride poco, non è un piacione ma piace. Con lui si è schierata da subito la Federazione della Sinistra, oltre a un arcipelago di sigle più o meno radicali. Ma anche in Sel Di Stefano va fortissimo. I militanti stanno quasi tutti con lui, i dirigenti pure ma non lo possono dire perché Ambrosoli è comunque il nome forte e il candidato favorito. Il compromesso è che il partito di Vendola non esprimerà indicazioni di voto ufficiali con la scusa delle primarie «civiche». Con gli altri sfidanti i rapporti sono più che cordiali. Ambrosoli ha detto che gli affiderebbe un assessorato, Kustermann pure. Sulla sanità privata però sono state scintille con «Umberto», mentre con «Alessandra» il duello s'è spostato sul tema dei rifiuti e della raccolta differenziata. 

È un ambientalista convinto, d'altra parte. Va ripetendo che «ci vuole una rivoluzione culturale perché il consumo responsabile è una necessità e anche i lavoratori dei ceti popolari devono capire il valore etico degli acquisti». Vuole azzerare il consumo di suolo e sostiene che «tutte le opere pubbliche approvate e non cantierizzate devono essere riviste in chiave di sostenibilità ambientale». Eppure non è uno snob. Gli piace cucinare il pesce, ama Neil Young e i Joy Division, adora ciaspolare in montagna, ma anche le isole del Mediterraneo. Con gli altri candidati ha incontrato ieri a Bergamo la Fiom e i metalmeccanici locali. «Smettiamola di dire che gli operai non esistono più. Non possiamo rinunciare ad avere un ruolo importante nel settore manifatturiero di cui siamo il secondo Paese in Europa», ha scritto subito dopo l'incontro su Facebook. Martedì ha iniziato invece la giornata elettorale con una visita agli studenti dell'Hajech, il liceo artistico «in okkupazione».Andrea Di Stefano
A cura di Elisabetta Soglio


Ultimo aggiornamento : 14-12-2012 08:54

   
Cita questo articolo nel tuo sito web
Preferiti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli correlati
Salva in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un'articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.9 © 2007-2018 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
< Prec.   Pros. >