Cittadinanza onoraria a Aung San Suu Kyi

Ho indirizzato a Basilio Rizzo , Presidente del Consiglio comunale di Milano , l’invito a farsi promotore delle procedure per il riconoscimento a San Suu Kyi , premio Nobel per la pace, leader del movimento non violento birmano , deputata al Parlamento birmano , donna straordinaria che lotta per la libertà del suo paese , della cittadinanza onoraria di Milano.

Milano 28 aprile 2012-04-28

 

Caro Presidente ,

ti scrivo perché ritengo tu sia la personalità cittadina più indicata , per ruolo istituzionale e personale storia politica , per attivare la procedura per il riconoscimento della cittadinaza onoraria a Aung San Suu Kyi , leader del movimento non violento birmano , deputata al Parlamento , fondatrice della lega nazionale per la democrazia e Premio Nobel.

Nel sentire comune di quella parte del mondo e della nostra città che coltiva sentimenti di giustizia e non si sente libera se non è libero ogni popolo del mondo, San Suu Kyi rappresenta la nobiltà dell’animo e della politica .

La sua testimonianza e coerenza personale , influenzata dagli insegnamenti del Mahatma Gandhi, nel contrastare la feroce dittatura militare che opprime il suo paese,

i suoi richiami alla democrazia come conquista di diritti ed anche di assunzione di responsabilità , diremmo noi : una democrazia rappresentativa e partecipativa , parla anche a noi .

In occasione del recente incontro con San Suu Kyi , il Ministro degli Esteri Terzi le ha rivolto l’invito a venire nel nostro paese . In quella occasione potrebbe essere invitata anche nella nostra città e Comune dando un rilievo particolare alla assegnazione della cittadinanza  onoraria . E sempre in quella occasione al significato simbolico , i simboli codificano la raltà , potrebbe accompagnarsi una proposta concreta di progetto di cooperazione internazionale decentrata , rivolto al suo paese e come da lei richiesto , orientato esclusivamente al sociale e a produrre benefici per la popolazione . La cooperazione internazionale segna la percezione che la città ha di se stessa .

Ti saluto con il rispetto dovuto al Presidente e l’affetto di sempre per l’ amico .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *