Amianto e ingiustizia

AMIANTO E INGIUSTIZIA .

        

 

 

AMIANTO e Ingiustizia

 

Con il meccanismo dell’improcedibilità (prescrizione breve)

lo Stato cancella di fatto i reati da lavoro

Migliaia di lavoratori e cittadini ammalati e morti

non avranno mai più giustizia

 

 

I Comitati e le Associazioni che da anni si battono per mettere al bando l’amianto e per ottenere giustizia per i morti, i malati e tutte le vittime dell’amianto denunciano l’ennesimo tentativo di concedere l’impunità a datori di lavoro e dirigenti colpevoli di reati da lavoro che hanno anteposto il profitto alla vita umana. La nuova norma riguarda i processi in corso e i reati per cui sono previste pene sotto i 10 anni, come quelli per omicidio colposo di cui si sono resi responsabili i padroni e i dirigenti che non hanno rispettato le condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro e nel territorio, a cui viene concessa l’impunità.

Da sempre abbiamo denunciato la lentezza dei processi e l’ingiustizia compiuta nelle aule dei Tribunali Italiani rivolgendoci anche alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo a Strasburgo e alla Comunità Europea a Bruxelles per ottenere giustizia. Tuttavia il tentativo in atto di introdurre un meccanismo di impunità, improcedibilità dopo due anni, per ogni grado di giudizio, nel quale sono imputati i responsabili di gravi reati non è accettabile e lede irreversibilmente i diritti delle vittime, molti dei quali deceduti, malati e le loro famiglie.

Questo renderebbe improcedibile un gran numero di processi e potrebbe influire molto negativamente anche per quelli Eternit, quello Fibronit, e per quello Thyssenkrupp e molti altri meno noti, ma con decine se non centinaia di morti che non avranno neanche la speranza di avere prima o poi un pò di giustizia

Con questa controriforma della giustizia si concede l’impunità ai potenti, al potere economico e politico e l’ingiustizia nei confronti dei lavoratori vittime dello sfruttamento potrebbe diventare legge dello Stato. Contro questo tentativo di legalizzare le stragi di lavoratori e cittadini in nome del profitto è necessaria una grande mobilitazione di tutte le forze sociali.

 

Mobilitiamoci contro chi sfrutta e uccide in nome del profitto

non permettiamo che un colpo di spugna cancelli

le stragi di lavoratori e dia l’impunità ai colpevoli

 

 

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio ([email protected] – 335/7850799)

Associazione Esposti Amianto Regione Friuli Venezia Giulia ([email protected] – 040/370380)

Osservatorio Nazionale sull’Amianto ([email protected] – 329/0106624)

Contramianto, Associazione Esposti Amianto & altri Rischi-ONLUS   ([email protected] – 328-8228177)

Associazione Vittime Amianto Nazionale Italiana ([email protected] – 335/8056074)

Roma,  Milano, Sesto San Giovanni, Trieste, Latina, 16.11.2009

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *