innse :comunicato Fiom

27 febbraio 2009
INNSE: SVENTATO L’ENNESIMO TENTATIVO PER IMPEDIRE LA RIPRESA DELL’ATTIVITA’

INNSE:

IL FIGLIO DEL PADRONE ENTRA IN FABBRICA DI NASCOSTO

E CERCA DI MANOMETTERE I MACCHINARI.

I LAVORATORI SVENTANO L’ENNESIMO TENTATIVO DI IMPEDIRE

LA RIPRESA DELL’ATTIVITA’

 

 

Mercoledì 25 febbraio in Regione Lombardia, il tavolo convocato per discutere del futuro della Innse di Via Rubattino si è concluso con la decisione di mantenere “ferme le bocce” per consentire il realizzarsi delle condizioni per la ripresa produttiva della fabbrica.

“Bocce ferme” significa nessuna mossa da parte di nessuno che possa pregiudicare la soluzione positiva della vicenda e il ritorno al lavoro dei 49 operai.

Silvano Genta, ormai noto per aver tentato in ogni modo di rendere impossibile il riavvio dell’attività, oggi ha davvero passato il segno.

Questa mattina, infatti, approfittando del cambio turno delle guardie giurate, il figlio di Genta si è introdotto di nascosto in fabbrica e ha cercato di manomettere le macchine.

E’ un gesto che la dice lunga sulla considerazione che Genta ha dei lavoratori, del sindacato, delle istituzioni (Provincia di Milano e Regione Lombardia, anzitutto), della questura, di tutti i soggetti che due giorni fa hanno concordato una linea di condotta.

I lavoratori, resisi conto dell’accaduto, hanno cercato di entrare in fabbrica.

E’ stato solo dopo una lunga e tesa trattativa con le forze di polizia (per la prima volta schierate dentro il perimetro dell’impresa) che i rappresentanti dei lavoratori e della Fiom hanno potuto entrare in azienda per verificare lo stato dei macchinari e hanno strappato l’impegno a rientrare in fabbrica lunedì mattina per mettere in funzione tutti gli impianti e stabilire che nulla sia stato danneggiato.

Lavoratori, sindacato e istituzioni hanno preso precisi impegni e stanno operando seriamente per  una soluzione positiva.

A questo punto chiediamo garanzie effettive a tutela di una trattativa complicata e di quelle macchine che sono condizione essenziale per la ripresa dell’attività.

 

Segreteria Fiom Nazionale

Segreteria Fiom Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *