Tre proposte: un filo rosso.


 

Diverse proposte del Forum Disuguaglianze e Diversità intervengono sui meccanismi di cattura della conoscenza, un bene pubblico, da parte di interessi privati. Richiamo qui la Proposta 2 (Il modello “Ginevra”), connessa anche ad altre proposte riguardanti imprese pubbliche, proprietà intellettuale e farmaci, dati personali, criteri sociali per la ricerca universitaria e delle imprese.

Le infrastrutture di ricerca 

A Ginevra ha sede il CERN, nato nel 1951 con un trattato fra paesi europei, la maggior parte dei quali fino a pochi anni prima in guerra fra loro. Governi lungimiranti deci sero di mettere in comune le risorse per la ricerca nella fisica fondamentale, escludendo nell’atto costitutivo ogni uso militare. Il CERN prefigurava una idea di organizza zione della scienza su larga scala molto diversa da quella affermatasi pochi anni prima negli USA con il progetto Manhattan (e con suoi omologhi in URSS e altrove) per progettare e costruire la bomba atomica. Il modello di Gi nevra era diverso anche dal programma Apollo (cfr. M. Florio, F. Giffoni, L’impatto sociale della produzione di scienza su larga scala: come governarlo?, in corso di pub blicazione, in «L’industria»), che in piena Guerra fredda puntava da un lato a mandare un uomo sulla Luna, ma dall’altro lato a dimostrare che l’URSS non avrebbe vinto la sfida per la supremazia nelle tecnologie spaziali, nono stante lo Sputnik e Gagarin.

La Big Science delle grandi potenze era strettamente connessa ad agende strategiche nazionali (cfr. M. Florio, Investing in Science. Social Cost-Benefit Analysis of Re search Infrastructures, The MIT Press, Cambridge, MA, 2019), organica al complesso militare industriale, gerarchica, avvolta in protocolli di segretezza. Richiedeva le altà politica a scienziati e tecnici, e una comunicazione pubblica apologetica. Il modello di Ginevra non solo si sgancia dalla giustificazione militare, ma è anche sovra nazionale, gestito bottom-up dalle comunità scientifiche, rende pubbliche scoperte e tecnologie, agli scienziati non chiede altro che di eccellere, e si sottopone liberamente alla discussione pubblica.

Questo modello oggi è adottato in Europa da almeno 300 grandi infrastrutture di ricerca, da oltre mille se si con siderano anche quelle di taglia media o minore censite da European Science Foundation (https://cordis.europa.eu/ project/rcn/96986/factsheet/de). I campi in cui la scien za su larga scala si è organizzata in questa forma vanno dalla biologia (ad es. con l’EMBL, European Molecular Biology Laboratory), alla astronomia (ad es. ASTERICS, Astronomy ESFRI and Research Infrastructure Cluster), dall’informatica distribuita (ad es. PRACE, Partner ship for Advanced Computing in Europe), alle scienze dell’ambiente e del clima (ad es. la costellazione di satel liti di osservazione terrestre Copernicus Sentinels gestiti dall’Agenzia Spaziale Europea). In queste organizzazioni pubbliche sono coinvolti direttamente o come utenti cen tinaia di migliaia di ricercatori.

Dalla conoscenza all’impatto socio-economico 

Per quanto straordinari siano stati i successi conseguiti da questo modello di produzione di conoscenza, ci si deve chiedere se esso, paradossalmente, non contribuisca involontariamente alla crescita delle disuguaglianze. La domanda può sembrare strana. Come è possibile che organizzazioni pubbliche, finanziate dai contribuenti, che adottano sempre più il modello della open science, dove tutto è reso disponibile a tutti gratuitamente, che non brevettano né proteggono in alcun modo i risultati della ricerca, possano aggravare la crescente disuguaglianza sociale, evidenziata fra gli altri da Anthony Atkinson nel suo ultimo libro, ripreso dal Forum?

La risposta credo stia nella evoluzione del capitalismo da un modello di produzione basato sulle macchine, sul capitale fisso tangibile, ad un modello basato sempre più sul capitale intangibile. Altri nel Forum (https://www.forumdisuguaglian zediversita.org/wp-content/uploads/2019/09/Pagano-Rossi. pdf) hanno osservato che i beni intangibili, fra cui i brevetti, rappresentano l’84% del capitale delle prime 500 imprese di Standard & Poor’s, quando era il 17% negli anni ’70.

Farò qui due esempi. Il World Wide Web è stato ideato al CERN per rispondere ad esigenze di comunicazione fra sistemi informatici. I codici relativi non sono stati brevet tati ma donati a chiunque. Il mondo ne è stato trasformato ene beneficiamo tutti ogni giorno. Ma non tutti nello stes so modo. Si sono create imprese monopoliste che hanno sfruttato a fondo i rendimenti di scala offerti dalle tecno logie basate sul web. I loro azionisti di riferimento sono ai vertici della piramide della ricchezza privata. Per decenni le sette sorelle petrolifere sono state al top della graduatoria delle imprese globali per valore di mercato, grazie alla appropriazione oligopolistica della enorme rendita derivante dallo sfruttamento di risorse naturali. Exxon Mobil, a lungo la prima società del mondo, oggi è decima. Sette della top ten (Apple, Amazon, Alphabet/Google, Micro soft, Facebook, Alibaba e Tencent, le ultime due cinesi) non sarebbero quello che sono senza il World Wide Web (ed Internet, anch’esso derivante dalla ricerca pubblica del DARPA, Defense Advanced Research Projects Agency).

Queste imprese, in modi diversi, si sono appropriate, sviluppandola nella direzione più profittevole, ma non necessariamente in quella più socialmente utile, della co noscenza generata dalla ricerca pubblica. Hanno costruito imperi. Oggi potrebbero decidere di emettere la loro moneta, oltre a influire estesamente sui processi politici, culturali ed economico-sociali.

Il secondo esempio riguarda il progetto di sequenziamento dell’intero genoma umano. Lo Human Genome Project (HGP) ha richiesto oltre tre miliardi di dollari dei contribuenti, dodici anni di lavoro, e una vasta collabora zione scientifica internazionale. Nonostante HGP abbia adottato il modello dell‘open science, questa decisione di principio non solo non ha impedito, ma ha addirittura fa vorito il deposito da parte di privati di migliaia di brevetti (in particolare di oltre 350 prodotti biotecnologici). Allargando la prospettiva, il principale finanziatore pubblico di HGP, i National Institutes of Health (NIH), che di pendono dal ministero USA della salute, hanno sostenuto finanziariamente la ricerca di tutti i 210 farmaci approvati in quel paese fra il 2000 e il 2015 con un contributo di oltre 840 milioni di dollari a molecola (Cleary et al., Con tribution of NIH funding to new drug approvals 2010-2016, «Proceedings of the National Academy of Sciences», 115 (10), 2018, pp. 2329-2334). Considerando anche altri fi nanziamenti, le imprese farmaceutiche hanno ottenuto dai contribuenti un miliardo di dollari a molecola, vi hanno aggiunto la loro ricerca e sviluppo (largamente basandosi sui dati clinici donati dai pazienti stessi) ed infine sono state autorizzate dai regolatori a praticare prezzi esorbitanti per le nuove terapie del cancro e altre patologie. Il record mondiale è di Novartis, che ha annunciato un prezzo per la sua terapia genetica per l’Atrofia Spinale Muscolare (SMA) a 2,1 milioni di dollari per un singolo trattamento.

Non è quindi una sorpresa che l’industria farmaceutica generi extra-profitti (se si fanno bene i conti, «The Econo mist», June 22, 2019, p.53). I contribuenti sono stati tassa ti per generare la ricerca di base e poi ancora quella delle imprese. Questo sostegno, mentre da un lato ha consentito alti profitti agli investitori delle Big Pharma, nonché alle start-up e ai venture capitalists del settore biotecnologico, dall’altro ha amplificato la più odiosa delle disuguaglianze: quella fra chi (direttamente o indirettamente) può pagarsi le cure e chi non può. Oggi un anno di vita in più per un paziente oncologico si può ottenere al prezzo di centinaia di migliaia di euro per le nuove terapie. Dove non c’è una sanità pubblica, ma assicurazioni private, solo i ricchi possono accedere alle nuove terapie. Dove esiste una sanità pubblica, gli ospedali sono posti di fronte a scelte dram matiche, dovendo decidere se acquistare o meno farmaci che possono divorarne i già precari bilanci.

Una proposta: una impresa europea per le scienze della vita 

Come si può rimediare a questa situazione, che qui ho po tuto solo esemplificare sommariamente? Esiste una rispo sta collaudata all’ oligopolio privato: è l’impresa pubblica. Un liberale come Ernesto Rossi non aveva dubbi che di fronte allo strapotere dei “padroni del vapore”, il cartello dei produttori di elettricità, fosse giusto creare ENEL. Più in generale, aver portato a famiglie ed imprese, a tariffe accessibili, con qualità del servizio decente, acqua potabi le e per irrigazione, gas per riscaldamento, forza motrice e illuminazione, treni e autostrade, telefoni in ogni parte dei territori, in Italia come in tutta Europa, è stata una grande politica di inclusione sociale e di coesione. L’onda ta liberista ha voluto sbarazzarsi di questa politica con le privatizzazioni, ma le imprese pubbliche o a partecipazio ne pubblica sono tuttora in molte economie avanzate, da quelle scandinave alla Francia e Germania, organizzazioni vitali e con bilanci in ordine. Che la proprietà privata delle imprese sia l’unico modo per promuovere efficienza ed innovazione è un mito, specie quando per proprietà privata si intenda il controllo da parte di fondi di investimento e simili. Ma se oggi il capitale è soprattutto quello basato sul la conoscenza, e l’oligopolio è quello che si appropria di rendite derivanti dalla conoscenza, dovremmo tentare di progettare una nuova stagione di imprese pubbliche ad alta intensità di conoscenza come strumento di uguaglianza sociale.

Credo che si potrebbero immaginare almeno tre im prese di questo tipo, la cui scala dovrebbe essere sovranazionale, quanto meno europea, studiando attentamente modelli diversi quali CERN, Agenzia Spaziale Europea, Banca Europea degli Investimenti, European Molecular Biology Laboratory, e altre organizzazioni di successo nel loro ambito.

In primo luogo, di fronte alle sfide poste dal cambia mento demografico in Europa, si potrebbe immaginare di concentrare in un “CERN” delle scienze della vita l’eccellenza scientifica mondiale. La missione dovrebbe includere non solo la ricerca di base ma giungere fino alla messa a punto di nuovi farmaci, per poi produrli o darne la licenza di produzione a terzi con il vincolo di prezzi pari al costo marginale, sulla base di una nuova forma di proprietà in tellettuale pubblica. La UE, come gli USA tramite i NIH, dovrebbe dotare un hub europeo delle scienze della vita di un bilancio adeguato (quello di NIH è di oltre 39 miliardi di dollari all’anno: https://www.nih.gov/about-nih/what we-do/budget), ma a differenza di NIH non dovrebbe per lo più redistribuire queste risorse a terzi. Andrebbero investite soprattutto per la ricerca “in house”. Peraltro, NIH pur erogando i suoi fondi per il 90 per cento a terzi, ha un bilancio per la ricerca propria di quasi 4 miliardi di dollari annui, con 6000 scienziati nel campus di Bethesda, Maryland. Per fare un confronto (ovviamente improprio, ma solo come ordine di grandezza), EMBL, sia per Hei delberg che nelle altre sue sedi, ha entrate annue di circa 300 milioni di euro, con uno staff di meno di 1800 unità (compresi dottorandi e amministrativi). Vi è quindi in Eu ropa sia una questione di scala che di missione.

Si potrebbe obiettare che ci sono tante ottime strutture di ricerca bio-medica nelle università e nelle imprese degli Stati membri della UE: a che servirebbe una grande im presa sovranazionale? Ma il modello del CERN a Ginevra, come quello per altri versi della Agenzia Spaziale Europea, dimostra che, senza nulla togliere alla creatività di centina ia di piccoli-medi gruppi sparsi nei territori, questi stessi gruppi trarrebbero enormi vantaggi dall’esistenza di una grande impresa collettiva con cui la comunità scientifica e tecnologica si riconosca e collabori secondo uno schema integrato e coordinato. Non è con piccoli campus sparsi qua e là in competizione per magri sussidi nazionali e comunitari che si faranno decisivi passi avanti. Questi sono invece necessari per affrontare i problemi di popolazioni in cui l’età avanzata si associa a condizioni di salute croniche che oggi non sappiamo come gestire se non a costi proibitivi. Non è facendo pagare ai contribuenti la ricerca di base sostenuta da quei sussidi e poi regalandone i risultati alle società farmaceutiche che si curerà lo squilibrio sociale che ho richiamato, che radicalmente crea e sempre più genererà disuguaglianza nell’accesso alle cure.

Una nuova scienza dell’informazione 

Un secondo esempio riguarda le tecnologie dell’informa zione e della comunicazione digitale. Non sono in grado di dire in che misura all’orizzonte vi siano i computer quantistici, se l’intelligenza artificiale e i Big Data cambieranno il nostro mondo come è accaduto con Internet, se flotte di migliaia di piccoli satelliti rivoluzioneranno l’accesso alla banda larga. Ma credo si possa prevedere che se, ad esem pio, Google arrivasse per prima alle applicazioni com merciali dei qbit (https://www.scientificamerican.com/ article/hands-on-with-googles-quantum-computer/), il potere economico di cui oggi dispone, già immenso, sarebbe ulteriormente rafforzato per decenni a venire. Eppure la fisica quantistica che sta alla base di possibili smisura ti progressi nella potenza di calcolo è un bene pubblico, prodotta da scienziati cui nulla importa dei profitti, ma solo della curiosità e della scoperta. Quella ricerca non nasce come un bene privato. È davvero un destino ineluttabile che un nuovo Alan Turing debba spedire il suo CV a Google in assenza di un luogo europeo dell’eccellenza pubblica nella ricerca sulle tecnologie dell’informazione? Occorrerebbe un polo in cui i progressi nelle tecnologie dell’informazione non servano in ultima analisi a molti plicare ancora il valore del capitale di Alphabet (oggi ol tre 770 miliardi di dollari), ma piuttosto siano applicati a nuovi modi di rendere semplice e decente la vita di tutti, anche dei più poveri tagliati fuori dal digital divide. Certo Larry Page, con i suoi 55 miliardi di dollari di patrimonio personale, può anche fare beneficienza. Dal 2014 ha an che annunciato che una controllata di Alphabet investirà nella ricerca sul cancro e nelle malattie degenerative. Così accadrà che controllo privato dell’informazione e delle cure personalizzate tenderanno a saldarsi, con risorse che nessun singolo Stato europeo può neppure immaginare di mettere in campo.

 

Le tecnologie per contrastare il cambiamento climatico 

Il terzo esempio riguarda l’ipotesi di una impresa pubblica per la ricerca e lo sviluppo di tecnologie utili ad invertire la catastrofe climatica verso cui i prevalenti modelli ener getici, di trasporto, di produzione di manufatti ci hanno condotto. Anche qui si tratta di rimediare al paradosso che più stringente diventa la regolamentazione pubblica, più essa conduce all’adozione di tecnologie verdi. Ma queste tecnologie di punta, sostenute da una ricerca di base pub blica, se appropriate privatamente, offrono una piattafor ma di lancio a chi le commercializza, soprattutto nei paesi sviluppati. Viceversa, un grande polo europeo delle scien ze ambientali potrebbe non solo inventare e collaudare i nuovi processi e materiali della transizione alle tecnologie verdi, ma anche farne oggetto di una proprietà intellet tuale collettiva di nuovo tipo. Sarebbe invece paradossale che magari proprio quegli interessi che hanno lucrato su un modello ecologicamente disastroso siano gli stessi che si appropriano monopolisticamente dei profitti derivanti dalle nuove tecnologie, ottenendo pure sussidi pubblici per la loro ricerca.

Viceversa, quanto maggiore rispetto ad oggi sarebbe il consenso dei cittadini per il progetto europeo se esso fosse identificato nella offerta universale a condizioni eque dei farmaci salvavita, della banda larga per tutti, dei nuovi materiali e tecnologie per una società amica dell’ambiente.

La fonte di questo articolo è   Forum diseguaglianze e diversità – Fabrizio Barca – Cambiare rotta. Più giustizia sociale per il rilancio dell’ Italia. Ed. Laterza .  Massimo Florio. Economista.

  1. Franco Calamida

    Il mondo ai tempi del Corinavirus

    Tutto come prima? O, come crediamo, tutto deve cambiare? Può essere una straordinaria occasione per riaffermare, con fatti concreti, che un’ altro mondo non solo è possibile, ma necessario. Basterebbe una domanda : “ la sanità privatizzata sarebbe in grado di contrastare il virus”? e ancora: “ Chi e come fermerà le guerre, contrasterà le diseguaglianze, difenderà l’ambiente e salverà il pianeta? “
    Non saranno certo le logiche del mercato e del profitto e della disumanità. La pandemia ci dice che tutto ciò che accade è globale e come tale va affrontato.
    Per chi cogliela gravità della situazione segnaliamo queste proposte:
    Massimo Florio economista: Dobbiamo “ Progettare una nuova stagione di imprese pubbliche ad alta densità di conoscenza…come strumento di eguaglianza sociale…di dimensione sovrannazionale, almeno europea” . I temi: scienza della vita e salute, scienza della comunicazione, tecnologie per contrastare il cambiamento climatico.”
    Mario Agostinelli: “ Non c’è conversione ecologica se non si affronta il mondo del lavoro e la sua trasformazione… Laudato si’ traccia la via per la giustizia sociale e ambientale”
    Luigi Ferrajoli e Raniero la Valle : ” Istituzione di una Scuola delle Terra per suscitare il pensiero politico dell’unità del popolo della terra, disimparare l’ arte della guerra e promuovere una Costituzione mondiale” a tutela dell’ universalità dei diritti e inanzitutto di quella alla salute.

    Un filo rosso percorre queste proposte. Altre come l’ istituzione di un patrimoniale sono urgenti. Il mondo ai tempi del coronavirus rimette in discussione tutto, comprese le privatizzazioni e l’ estinzione dello Stato sociale. E’ tempo che tutti se ne rendano conto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *