L’ apocalisse di Stefano Levi

Un mio comunicato virale (9-13/3/2020):

ll virus è un’apocalisse nel senso etimologico di “rivelazione”: è sì una botta alle Sardine, che hanno realizzato il “tutti pigiati in piazza”, cosa per ora non raccomandabile nella congiuntura virale, ma intanto 1 restituisce autorità alla scienza, denigrata dal populismo,2 mette in luce gli effetti deteriori del liberismo, a cominciare dalle privatizzazioni volute dalla Lega e dalla destra, in particolare nel sistema sanitario, 3 esalta la responsabilità sociale di ciascuno, come portatore o vittima di contagio,4 mostra come i discriminatori che fanno muri possono essere a loro volta murati,5  fa vedere gli aspetti positivi di rallentamento dei ritmi e del consumismo. 6 Il contagio sembra che abbia anche qualcosa da dire sulle de-localizzazioni produttive troppo disinvolte, mostrando i vantaggi di una produzione più localizzata per evitare le frontiere anti contagio (sintomi di questo in Germania e in Cina). 7– Siamo passati dalla paura discriminatoria gestita da Salvini e dalla destra europea, alla paura solidale del virus. 8. Si è scoperto che l’idolatria dei mercati è, al pari dei mercati, irrazionale, e che sarebbe meglio un cambiamento di criteri.9- Il virus è un angelo sterminatore di persone e di economie, che annuncia, ad uno per uno e insieme alla specie umana, che i fenomeni globali e soprattutto la crisi ambientale, sono degni di considerazione.

Abbiamo auspicato un’Italia e un’Europa politicamente più rossa, e ora, grazie al virus, nelle zone rosse qualcosa di politicamente rosso traspare.

Stefano Levi Della Torre

Una risposta

  1. Franco Calamida ha detto:

    Aggiungerei il miglioramento della qualità e dell aria. L inquinamento è causa di 80 mila decessi all anno in Italia. Nessuno ha indagato, ma non è escluso che il numero dei decessi da coronavirus sia inferiore al numero delle vite salvate dall aria meno inquinata. Ovviamente bisogna sconfiggere il virus e finalmente affrontare misure drastiche per affermare il diritto all aria pulita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *