report riunione gruppo ” sicurezza sul lavoro”

Riporto di seguito la sintesi delle valutazioni e proposte del gruppo di lavoro "sicurezza sul lavoro"

è di particolare rilievo per quanti sono interessati alla campagna , che ha grandi e concrete potenzialità , ma al contempo è quasi ferma , salvo l'impegno dei componenti il gruppo e alcuni/e altri volonterosi

questa campagna sperimenta la capacità operativa e di azione diffusa sul territorio de la sinistra l'arcobaleno

dobbiamo rifletterci tutti e rilanciarla , accadrà solo se molti se ne faranno carico credo che questo sia l'ultimo appello

Il gruppo " sicurezza sul lavoro " si è riunito il 27 marzo 2008 presso la sede dell'Anpi di via Mascagni. In sintesi : *bilancio dell'attività ad oggi : sono state raccolte 120 firme di adesione all'assemblea nazionale Prc a Torino , 100 a Sesto SG , alcune decine ai banchetti elettorali recenti , circa 50 sono riportate sul sito degli Stati generali , solo due coordinamenti di zona hanno aderito, poche adesioni collettive, scarse anche quelle dei sindacalisti . Abbiamo contribuito a sollecitare l'approvazione del Testo unico sulla sicurezza, in zona tre a Milano è stata presentata una mozione in Commissione e le cose procedono, anche in zona due , quattro e sei è stata o verrà presentata e forse altre di cui non si hanno notizie. A Corsico la mozione è stata approvata , verrà presentata in alcuni altri comuni, non molti , per quanto si sa ad oggi. Iniziative pubbliche a Sesto SG, a Milano si sono costituiti collettivi di lavoratori ( IBM e Istituto dei Tumori) che sono impegnati nella campagna , e questo è un fatto molto , molto positivo. In sostanza le cose fatte sono principalmente il risultato del lavoro dei componenti il gruppo stesso , non è decollata la campagna come impegno esteso , inclusi i dirigenti e componenti il Tavolo , non lo è a livello nazionale e neppure regionale. In campagna elettorale alcune iniziative di zona saranno realizzate , sebbene ad oggi nessun materiale di propaganda richiami il tema della sicurezza sul lavoro e l'esistenza di proposte nostre per una campagna articolata, a tutti i livelli istituzionali , e di lungo periodo. Le cose fatte segnano una vera potenzialità , cioè si possono ottenere risultati concreti ( vedi Corsico ) , ma come è possibile che nei quasi duecento Comuni della Provincia , in particolare dove siamo in maggioranza, per la sicurezza sul lavoro non si faccia nulla , proprio nulla ? Salvo significative eccezioni o forse non circola l'informazione, ma se c'è indifferenza su questo tema , non c'è coerenza con ciò che sempre si afferma : la centralità del lavoro che dovrebbe caratterizzare la sinistra l'arcobaleno. Se con questa campagna sperimentiamo la capacità operativa del nuovo soggetto politico non possiamo dire che ad oggi si sia fatto il meglio e questo richiede riflessione collettiva sul complessivo funzionamento . Le cose da fare : *presentare la mozione sulla sicurezza in tutte le zone di Milano e in molti Comuni della Provincia e seguirne l'evoluzione e deliberazioni e atti concreti. *ottenere adeguato finanziamento per Protocollo d'intesa regionale , altrimenti tutto resta sulla carta. *gestire sul territorio il Testo unico. *incontrare i consiglieri provinciali e comunali , un primo atto della Campagna dovrebbe essere un Consiglio comunale aperto alla cittadinanza ,monotematico sulla sicurezza. *produrre un volantino che colleghi il tema della sicurezza alla precarietà, salario e tempi di lavoro . Potrebbe anche essere distribuito ai cinema dove si proietta il film "Tutta la vita davanti". *proporre al Tavolo la promozione di una giornata del lavoro all'interno della campagna elettorale , con materiale alle Pagode , volantinaggi ai luoghi di lavoro , con candidati delle Commissioni lavoro di Camera e senato e dunque anche di rilancio della campagna "mai più morti sul lavoro" Per il gruppo di lavoro franco calamida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *