Reddito e povertà

Il Circolo sta producendo una serie di schede su veri temi . Questa è la prima . Serve alla discussione , verranno proposte alla Federazione e serviranno per il confronto in zona tre sui contenuti e valori sui quali fondare dal “basso” il nuovo soggetto poitico. .

Anche a Milano la crisi per le lavoratrici e i lavoratori è tutt’altro che finita: dilaga il lavoro precario e la disoccupazione soprattutto giovanile, i salari col blocco dei contratti nazionale sono sempre più miseri. Col Jobs Act Renzi e Confindustria invece di rilanciare investimenti e produzione innovative hanno pensato solo ad aumentare i profitti  accanendosi contro i diritti e la dignità di chi lavora. E’ stato così concesso ai padroni la completa libertà di licenziare, permesso il demansionamento e introdotto persino il controllo con la videosorveglianza come in caserma. Per loro conta solo mettere il più possibile sotto ricatto le lotte e le organizzazioni dei lavoratori. Nella ricca Milano , il 13 % dei minori soffre di carenza alimentare ; sono presenti fasce estese di povertà , emblematica l’ affluenza alle mense per i poveri , anche di lavoratori e pensionati , con salari e pensioni che non consentono una vita dignitosa .

Bisogna  contrastare questi disegni reazionari, bisogna costruire una forte proposta e mobilitazione unitaria. Occorre rivendicare anche per l’Italia (ultima in Europa) una  legge ( ne sono già state presentate di condivisibili in Parlamento )  che garantisca un  reddito minimo per chi è in attesa di lavoro  , portando a questa soglia anche precari e pensionati . Salvaguardando il valore del lavoro , diritto costituzionalmente tutelato , può risultare anche utile il confronto e la ricerca di convergenze, in particolare nelle mobilitazioni, con le  posizioni dei sostenitori del reddito di cittadinanza , riconosciuto indipendentemente dal lavoro.   Occorrono   politiche attive per il lavoro . Sono inoltre  urgenti interventi per la povertà estrema , gestiti a livello metropolitano,  mirati e tesi , in prospettiva , al  superamento della condizione di povertà. In sintesi :  dobbiamo impegnarci in una battaglia unificante per togliere dall’ isolamento tutti coloro ai quali viene negato il diritto al lavoro e ad una vita dignitosa e contro un governo che non trova mai i soldi per la giustizia sociale , non contrasta l’ evasione fiscale e la corruzione , manomette la costituzione ed  estende le missioni di guerra .

Circolo Prc Peppino Impastato .

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *