Benvenuto!
M.Florio: il 68 di un sedicenne.
(2 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 18-09-2018 10:18  

Pagina vista : 50

Favoriti : 4

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, La costruzione della sinistra

"Noi eravamo la storia" scrive Massimo Florio. Oggi non lo siamo più e non sappiamo

come sarà quella futura. Questo suo racconto è un contributo ad una riflessione

collettiva sul tema : ma cosa è successo ?. Pur con storie diverse tutti tutte

siamo stati partecipi di un forte senso del collettivo . Perderlo , oggi ,

o rinnovarlo , dipende da noi , solo da noi.

franco calamida.

Ultimo aggiornamento: 18-09-2018 10:24

Commenti degli utenti Cita questo articolo nel tuo sito web Preferiti Stampa Invia ad un amico Salva in del.icio.us Articoli correlati Leggi tutto...
Stefano Levi: La storia in corso.
(2 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 29-08-2018 11:02

Pagina vista : 118

Favoriti : 18

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, La costruzione della sinistra

Questo contributo di Stefano Levi alla riflessione collettiva su cosa sta accadendo

e come riorganizzare una resistenza democratica e avanzare da sinistra una proposta

credibile e condivisibile è di particolare importanza e a me pare in larga misura

condivisibile. Conquiste del movimento operaio e la stessa Costituzione nata

dalla resistenza sono state cancellate o ridimensionate e il questi giorni e

settimane le scelte di Salvini e Di Maio , esterni al perimetro costituzionale,

hanno come obiettivo la rimessa in discussione di fondametali pilastri

della democrazia e della demcrazia rappresentativa. L' incontro Salvini Orban

( che in Ungheria ha liquidato l' opposizione, la divisione dei poteri con il controllo

della magistratura e la libertà di stampa) è emblematica di quanto profondo

sia il cambamento e di quanto sia pericoloso . Un confronto sulla proposta

di Stefano Levi può rappresentare un primo passo ( certo non il solo)

per definire contenuti e alleanze per le prossime elezioni europee .

Comunque utile per la tenuta dei una cultura democratica e mentenere

in relazione quanti /e non accettano che in un tempo così breve si smantellino

valori e conquiste di libertà che sono la nostra storia e la storia del nostro paese. franco calamida.

Per leggere il testo sottoriportato è necessario far scorrere orizzontalmente le pagine, perchè così , non per mia volontà, è stato riprodotto

Per una lettura  agevole del testo clicca : 

                    https://goo.gl/GLpJcT

grazie e buona lettura.

Ultimo aggiornamento: 03-09-2018 16:56

Commenti degli utenti Cita questo articolo nel tuo sito web Preferiti Stampa Invia ad un amico Salva in del.icio.us Articoli correlati Leggi tutto...
68 e dintorni di Vittorio Bellavite.
(1 voto)
 

Scritto da Franco Calamida, 21-07-2018 22:57

Pagina vista : 176

Favoriti : 31

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, CUB 1969


L' esperienza di Vittorio Bellavite è di particolare interesse. I cattolici che fecero " la scelta socialista" svolsero in molte realtà un ruolo di rilievo ed ebbero una influenza , per valori e idee , assai significativa . Basti pensare a Don Milani e al "nuovo sindacalismo" che nacque in quegli anni.

Ultimo aggiornamento: 21-07-2018 23:01

Commenti degli utenti Cita questo articolo nel tuo sito web Preferiti Stampa Invia ad un amico Salva in del.icio.us Articoli correlati Leggi tutto...
Edoarda Bai: il mio 68 - Non tutto è perduto.
(2 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 10-07-2018 14:05

Pagina vista : 265

Favoriti : 43

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, CUB 1969

Riporto questo intervento , che positivamannte, si confronta con altri.
L' obiettivo è proprio quello di mantenere relazioni ( non solo personali , che ci
sono già con molti/e di quanti intervengono e sono solidissime e di per se sono
un portato positivo del 68/69 ) ma quelle che possono essere definite
" intreccio tra personale e politico" , che non  separano le due dimensioni.
Le fanno convivere. Questo è il contributo , certo no risolutivo ,
ad un progetto di trasformazione sociale ( definizione assolutamente generica ) ancora
segnata dall' universalismo e dai valori costituzionali.
Il 68/69 fu evento straordinario e mondiale . Soggetto a critiche ,
ovviamente, anche le più drastiche , ma non rimovibile , come sta accadendo
o riducibile a laboratorio di violenza di massa. E dipende anche da noi. franco calamda.

Ultimo aggiornamento: 10-07-2018 14:07

Commenti degli utenti Cita questo articolo nel tuo sito web Preferiti Stampa Invia ad un amico Salva in del.icio.us Articoli correlati Leggi tutto...
Ennio Abate :"Il mio 68 . Cologno 50 anni dopo "
(1 voto)
 

Scritto da Franco Calamida, 07-07-2018 22:52

Pagina vista : 229

Favoriti : 43

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, CUB 1969

Nel ’68 la nostra giovinezza è stata attraversata

 da un lampo di ribellione,

imprevisto, straordinario e mondiale.


Questo è l' incipit del "racconto"  di Ennio Abate . Le conclusioni descrivono una realtà amara , quella del presente : "siamo quasi alla scomparsa della sinistra."
Si tratta dell' intervento di Ennio Abate ad un recente convegno sul 68 svoltosi a Cologno . E' pubblicato su www.poliscritture.it . Poliscritture è un laboratorio di cultura critica.
franco calamida.

Ultimo aggiornamento: 07-07-2018 23:18

Commenti degli utenti Cita questo articolo nel tuo sito web Preferiti Stampa Invia ad un amico Salva in del.icio.us Articoli correlati Leggi tutto...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 15 di 262

Newsletter

Tieniti aggiornato con le news della Sinistra di Milano
La Sinistra in Zona - Milano


Ricevi HTML?

Feed RSS

Come fruire di un feed RSS
Sottoscriviti a questo Feed