Benvenuto!
Edoarda Bai: il mio 68 - Non tutto è perduto.
(1 voto)
 

Scritto da Franco Calamida, 10-07-2018 14:05

Pagina vista : 37

Favoriti : 4

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, CUB 1969

Riporto questo intervento , che positivamannte, si confronta con altri.
L' obiettivo è proprio quello di mantenere relazioni ( non solo personali , che ci
sono già con molti/e di quanti intervengono e sono solidissime e di per se sono
un portato positivo del 68/69 ) ma quelle che possono essere definite
" intreccio tra personale e politico" , che non  separano le due dimensioni.
Le fanno convivere. Questo è il contributo , certo no risolutivo ,
ad un progetto di trasformazione sociale ( definizione assolutamente generica ) ancora
segnata dall' universalismo e dai valori costituzionali.
Il 68/69 fu evento straordinario e mondiale . Soggetto a critiche ,
ovviamente, anche le più drastiche , ma non rimovibile , come sta accadendo
o riducibile a laboratorio di violenza di massa. E dipende anche da noi. franco calamda.

Ultimo aggiornamento: 10-07-2018 14:07

Commenti degli utenti Cita questo articolo nel tuo sito web Preferiti Stampa Invia ad un amico Salva in del.icio.us Articoli correlati Leggi tutto...
Ennio Abate :"Il mio 68 . Cologno 50 anni dopo "
(1 voto)
 

Scritto da Franco Calamida, 07-07-2018 22:52

Pagina vista : 45

Favoriti : 6

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, CUB 1969

Nel ’68 la nostra giovinezza è stata attraversata

 da un lampo di ribellione,

imprevisto, straordinario e mondiale.


Questo è l' incipit del "racconto"  di Ennio Abate . Le conclusioni descrivono una realtà amara , quella del presente : "siamo quasi alla scomparsa della sinistra."
Si tratta dell' intervento di Ennio Abate ad un recente convegno sul 68 svoltosi a Cologno . E' pubblicato su www.poliscritture.it . Poliscritture è un laboratorio di cultura critica.
franco calamida.

Ultimo aggiornamento: 07-07-2018 23:18

Commenti degli utenti Cita questo articolo nel tuo sito web Preferiti Stampa Invia ad un amico Salva in del.icio.us Articoli correlati Leggi tutto...
Dal 68 all' oggi - Articolo di Stefano Levi.
(2 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 10-06-2018 12:10

Pagina vista : 136

Favoriti : 22

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, CUB 1969

Dopo l' articolo di Emilio Molinari riportiamo queste riflessioni di Stefano Levi ,
che mi paiono in larga misura condivisibili .
Così conclude : parliamone . Giusto. parliamone. franco calamida .

Ultimo aggiornamento: 10-06-2018 12:10

Commenti degli utenti Cita questo articolo nel tuo sito web Preferiti Stampa Invia ad un amico Salva in del.icio.us Articoli correlati Leggi tutto...
Un altro 68 di Emilio Molinari
(4 voti)
 

Scritto da Franco Calamida, 08-06-2018 21:47

Pagina vista : 121

Favoriti : 23

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, CUB 1969

Molto è stato scritto sugli anni delle lotte e delle speranze , il 68/69.

Alcuni di noi sono stati protagonisti : Emilio Molinari lo è stato . Ma poco abbiamo scritto . Vorremmo oggi dare un contributo

ponendo a confronto esperienze e giudizi di chi ha vissuto quegli anni . Senza la presunzione di realizzare  una narrrazione 

condivisa .  Più modestamente ci accontentiamo di contribuire al una riflessione , anche critica , su una esperienza che fu collettiva . Che ciascuno esponga dunque le sue idee .

Non vi sarà sintesi,

ma aiuterà a capire cosa si è salvato , ed ancor oggi vivo , e cosa è andato perduto.

L articolo di Emilio Molinari ,

pubblicato nella recente news di Piero Basso ,è il primo contributo.

Franco Calamida

 

Ultimo aggiornamento: 08-06-2018 21:47

Commenti degli utenti Cita questo articolo nel tuo sito web Preferiti Stampa Invia ad un amico Salva in del.icio.us Articoli correlati Leggi tutto...
E la sinistra ? E noi ? Che si fa se si vota.
(1 voto)
 

Scritto da Franco Calamida, 08-05-2018 09:34

Pagina vista : 200

Favoriti : 33

Pubblicato in : La costruzione della sinistra, La costruzione della sinistra

Si vota in luglio o autunno ? E come e per chi? Di Battista definisce traditore chi

condivide la proposta del Presidente Mattarella , cioè traditore è lo stesso Presidente,

il PD e anch’io, nel mio piccolo ( che altro si può fare?) e forse molti milioni di italiani .

Chi lo sa. Quanti pensano sia una buona idea votare subito con la stessa legge elettorale

e con conseguenze imprevedibili ? Le elezioni saranno , come dicono i contendenti,

un ballottaggio tra due forze . Queste hanno contrapposizioni così profonde da aver

reso impossibile il formarsi di una maggioranza di governo ma entrambe sono

totalmente prive di coerenza con il patto costituzionale . Per molti aspetti sono in netto contrasto? E il PD ? Da entrambe deriso , confuso e diviso , destinato all’ irrilevanza politica ? Esterno al “ballottaggio”. E le forze dell’ “alternativa al PD”, sedicenti tali, son pronte a riproporre le loro divisioni , come se nulla fosse successo? Questo è il quadro : Salvini ha come riferimento e alleati Marine Le Pen e Viktor Orban , l’ appoggio di casa Pound e Forza nuova , e pare essere il vincente. Il M5S negando l’ esistenza di destra e sinistra , nei fatti cancella la funzione della sinistra. Ed è quello che sta accadendo . Dunque elezioni che ratificano l’ estinzione della sinistra , della nostra storia ? Andiamo al macello ? o al mare ? La situazione , un poco estremizzando , mi pare sia così rappresentabile : uno si butta dall’ alto di un grattacielo e al 23 ° piano gli chiedono “Come va ?” e lui : “Per ora tutto bene” . Tutti sappiamo ( non so dire del M5S e Lega) che è così . Pensiamo che non possa essere altrimenti.? Non avanzo alcuna proposta, non ne ho titolo, so che la politica è l’ arte del possibile . Ma se fosse anche l’ arte dell’ auspicabile ? Allora direi : siamo in emergenza democratica vera , gravissima , seria . Lo sappiamo e sappiamo anche che i due principali attori (Lega e M5s ) non danno garanzie democratiche . Per nulla. Dunque è necessaria una mobilitazione in difesa della Costituzione ( la democrazia rappresentativa della Costituzione , che è ben definita ) , mobilitazione di quanti non accettano che le cose vadano come stanno andando , mobilitazione di idee , passioni e valori di libertà e innanzitutto libertà dal bisogno, mobilitazione di contenuti , pochi e chiari , che rispondano alle aspettative e insoddisfazioni, giuste, di vasta parte della popolazione. E poi si vedrà. Senza indicare schemi , formule , schieramenti ecc eccc , solo penso che non è detto si debba andare al macello , tutti divisi , incoscienti , privi di percezione della reale gravità della situazione , come se nulla fosse successo. Qualcosa di nuovo , credibile, mobilitante e non debilitante , può proporre nello scontro elettorale due posizioni : chi difende la Costituzione e i valori dell’ uguaglianza e della solidarietà e chi li stanno affossando . Noi e loro . Dunque non solo loro due ( irresponsabili demagoghi , ci pensi chi li ha votati) e noi che non sappiamo che fare . Basta con il piagnisteo e su con la vita…e la lotta .franco calamida.

Ultimo aggiornamento: 08-05-2018 09:34

Commenti degli utenti Cita questo articolo nel tuo sito web Preferiti Stampa Invia ad un amico Salva in del.icio.us Articoli correlati Leggi tutto...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 15 di 259

Newsletter

Tieniti aggiornato con le news della Sinistra di Milano
La Sinistra in Zona - Milano


Ricevi HTML?

Feed RSS

Come fruire di un feed RSS
Sottoscriviti a questo Feed